100816446-1d2fab70-b3f4-4eb8-941e-ba3328c48335

“The Post”, un film di Steven Spielberg, la recensione

The Post (id, Usa, 2018) di Steven Spielberg con Meryl Streep, Tom Hanks, Sarah Paulson, Matthew Rhys, Bob Odenkirk, Tracy Letts, Bradley Whitford, Bruce Greenwood, Alison Brie, Carrie Coon, Jesse Plemmons, David Leggi »

hero_bp-2018

“Black Panther”, un film di Ryan Coogler, la recensione

Black Panter (id. USA, 2018) di Ryan Coogler con Chadwick Boseman, Michael B. Jordan, Lupita Nyong’o, Danai Gurira, Letitia Wright, Martin Freeman, Daniel Kaluuya, Winston Duke, Sterling K. Brown, Angela Bassett, Forest Leggi »

the-party-2017-film

“The Party”, un film di Sally Potter, la recensione

The Party (id, GB, 2017) di Sally Potter con Kristin Scott Thomas, Timothy Spall, Patricia Clarkson, Cillian Murphy, Emily Mortimer, Cherry Jones, Bruno Ganz Sceneggiatura di Sally Potter Commedia, 1h 11′, Academy Leggi »

fifty-shades-freed-final-trailer-spicypulp

“Cinquanta sfumature di rosso”, un film di James Foley, la recensione

Cinquanta sfumature di rosso (Fifty Shades Freed, Usa, 2018) di James Foley con Jamie Dornan, Dakota Johnson, Eric Johnson, Rita Ora, Luke Grimes, Marcia Gay Harden, Jennifer Ehle, Eloise Mumford, Victor Rusak, Leggi »

913_0

“Chiamami col tuo nome”, un film di Luca Guadagnino, la recensione

Chiamami col tuo nome (Call Me by Your Name, Francia/Italia/Usa/Brasile, 2017) di Luca Guadagnino con Timothée Chalamet, Armie Hammer, Michael Stuhlbarg, Amira Casar, Esther Garrel, Victoire Du Bois Sceneggiatura di James Ivory, Luca Leggi »

luciano_ligabue_made_in_italy_640_ori_crop_master__0x0_640x360

“Made in Italy”, un film di Luciano Ligabue, la recensione

Made in Italy (id, Italia, 2018) di Luciano Ligabue con Stefano Accorsi, Kasia Smutniak, Fausto Maria Sciarappa, Walter Leonardi, Filippo Dini, Alessia Giuliani, Gianluca Gobbi Sceneggiatura di Luciano Ligabue Drammatico, 1h 44′, Leggi »

lora-piu-buia-2017-darkest-hour-joe-wrigh-04-932x621

“L’ora più buia”, un film di Joe Wright, la recensione

L’ora più buia (Darkest Hour, GB, 2017) di Joe Wright con Gary Oldman, Kristin Scott Thomas, Lily James, Ben Mendelsohn, Stephen Dillane, Ronald Pickup, Charley Palmer Rothwell Sceneggiatura di Anthony McCarten Biografico, 2h Leggi »

Tutti-i-soldi-del-mondo-2017-Ridley-Scott-recensione-cov932-932x460

“Tutti i soldi del mondo”, un film di Ridley Scott, la recensione

Tutti i soldi del mondo (All the Money in the World, Usa, 2017) di Ridley Scott con Michelle Williams, Christopher Plummer, Mark Whalberg, Charlie Plummer, Romain Duris, Timothy Hutton, Marco Leonardi, Giuseppe Leggi »

“The Post”, un film di Steven Spielberg, la recensione

100816446-1d2fab70-b3f4-4eb8-941e-ba3328c48335

The Post (id, Usa, 2018) di Steven Spielberg con Meryl Streep, Tom Hanks, Sarah Paulson, Matthew Rhys, Bob Odenkirk, Tracy Letts, Bradley Whitford, Bruce Greenwood, Alison Brie, Carrie Coon, Jesse Plemmons, David Cross, Michael Stuhlbarg

Sceneggiatura di Liz Hannah, Josh Singer

Biografico, 1h 58′, 01 Distribution, in uscita il 1 febbraio 2018

Voto: 8½ su 10

Steven Spielberg è uno dei pochissimi cineasti statunitensi che ancora continua a difendere sul grande schermo le spoglie del classicismo autoriale. The Post, il suo trentesimo lungometraggio, non solo si inserisce di diritto in quella stagione fondamentale per il cinema americano che portò l’inchiesta giornalistica nelle sale, con titoli in grado di affrontare il genere sempre con ottica differente (si pensi solamente all’originalità di approccio di volta in volta più audace di pietre miliari come Quarto potere di Welles, Barriera invisibile di Kazan o L’asso nella manica di Wilder, senza contare gli innesti con la commedia – La signora del venerdì di Hawks – e con il thriller – L’ultima minaccia di Brooks -), ma si spinge oltre, fino ad agganciarsi, non solo idealmente, ad un’opera cardine del cospirazionismo politico degli anni Settanta, quel Tutti gli uomini del presidente di Alan J. Pakula, 4 Oscar nel 1976, che iniziava esattamente dove Spielberg termina il suo racconto, sulle immagini notturne dell’effrazione al Watergate. Il resto è grande cinema, oltre che cronaca fedele di una dimissione presidenziale.

“Black Panther”, un film di Ryan Coogler, la recensione

hero_bp-2018

Black Panter (id. USA, 2018) di Ryan Coogler con Chadwick Boseman, Michael B. Jordan, Lupita Nyong’o, Danai Gurira, Letitia Wright, Martin Freeman, Daniel Kaluuya, Winston Duke, Sterling K. Brown, Angela Bassett, Forest Whitaker, Andy Serkis

Sceneggiatura di  Ryan Coogler e Joe Robert Cole basata sui personaggi creati da Stan Lee e Jack Kirby

Cinecomic, 2h 14’, Warner Bors. International Italy/Marvel Studios, in sala dal 14 febbraio 2018

Voto: 6½ su 10

Se un merito può vantare, questo Black Panther di Ryan Coogler, è non tanto quello di essere il primo Cinecomic di casa Marvel con un cast “all black” ad aver fatto incetta di milioni al botteghino (più di 192 milioni di dollari nel weekend di apertura nei soli Stati Uniti), ma di essere il perfetto esempio di una intelligente operazione di marketing attentamente pianificata.

Il ponte interculturale, incontro con Enrico Olivanti

received_10156911387326808

Enrico Olivanti è un giovane musicista italiano che vive e lavora in Germania. In realtà la sua vita è un ponte tra il Roma e Dresda, che percorre assiduamente da ben due anni nel lungo e difficile percorso che sceglie un artista.
Approfittiamo del concerto che terrà con il suo quintetto per fare una chiacchierata su questo momento storico personale e professionale. Tanti e delicati i temi trattati.

Enrico, ascoltare la musica e farla… due approcci differenti. Il limes quando è stato varcato da te e per assecondare quali ragioni o esigenze? 

Beh direi che se con il “varcare il limes” intendi l’inizio del mio rapporto con uno strumento musicale il tutto iniziò a 12 anni, quando a Natale ricevetti la mia prima Chitarra Classica.
Fu un Amore prima vista che però fu preceduto da un innamoramento figlio dell’ascolto: infatti circa due anni prima, per la mia Prima Comunione ricevetti per regalo un “walkman” e mi immersi da subito nell’ascolto di un paio di musicassette che erano a casa, nelle quali spiccavano dei suoni di Chitarra…
Pur conquistato da questi suoni e forse già consapevole della grande svolta che avrebbero dato alla mia Vita, dissi a me stesso che mi sarei concesso ancora un paio di anni di “pallone” come tutti gli altri bambini e poi avrei dedicato una parte sempre crescente delle mie energie a questa passione ancora in pectore ma già così promettente.
Ragioni ed esigenze specifiche non le sapevo e non le saprei ancora oggi individuare con precisione, se non in quel misterioso senso di completezza, soddisfazione fisico-spirituale e di contatto intimo con la manifestazione della Bellezza che mi procura il vivere la Musica sotto ogni suo aspetto. 

“The Party”, un film di Sally Potter, la recensione

the-party-2017-film

The Party (id, GB, 2017) di Sally Potter con Kristin Scott Thomas, Timothy Spall, Patricia Clarkson, Cillian Murphy, Emily Mortimer, Cherry Jones, Bruno Ganz

Sceneggiatura di Sally Potter

Commedia, 1h 11′, Academy Two, in uscita l’8 febbraio 2018

Voto: 6½ su 10

Un piccolo film sottilmente perfido, sorretto da dialoghi sopraffini e interpretazioni magistrali: è The Party, l’ultimo lavoro della regista britannica Sally Potter, che porta in scena la caduta degli dei di sinistra della classe dirigente d’oltremanica, in un congegno narrativo di soli 70 minuti e tutto all’interno di un elegante appartamento con cortile esterno.

Dave Douglas Quintet per “Love Jazz” all’Auditorium PdM di Roma

DaveDouglas_NewQuintet_4c-800x534

Negli anni, Dave Douglas si è affermato sulla scena jazz internazionale sia come leader sia come proficuo collaboratore sapendo gestire e far convivere i diversi ruoli all’interno del mondo musicale, così come il suo estro e il rigore professionale che lo completano, aderiscono alle potenzialità creative più disparate che lo vedono ispirato trombettista, compositore, insegnante, direttore artistico e produttore discografico dell’etichetta Greenleaf Music.

Baba Sissoko e Antonello Salis per “Love Jazz” all’Auditorium PdM

Salis-sissoko1-750x470

Per la rassegna “Love Jazz” dell’Auditorium PDM di Roma, il polistrumentista Baba Sissoko, classe 1963, africano del Mali, e il pianista e fisarmonicista Antonello Salis, classe 1950, sardo di Villamar, ci hanno regalato una grande performance. Salis suona i suoi due strumenti prediletti che contamina attraverso l’uso di mestoli, bacchette, bottiglie di plastica. Sissoko duetta con gli strumenti tradizionali n’goni e tamani e con la voce.

“Ricordo Chet Baker insonne che suonava il piano nella hall”: incontro con Fulvio Tomaino

fulvio-tomaino-the-carousel-roma

Fulvio Tomaino è considerato uno dei migliori cantanti di Black Music in Europa. Dopo aver raccolto numerosi riconoscinenti in tutta la sua carriera, torna in scena il 15 febbraio 2018 in un concerto evento all’Auditorium PDM di Roma. Nel 2017 fonda la “Fulvio Tomaino Band” che ripropone i classici della black music dando vita ad uno show unico grazie alla sua formazione costituita da eccellenti musicisti. Lo abbiamo incontrato a Roma nel suo quartier generale a San Giovanni e ci ha concesso questa intervista esclusiva.

Fulvio, nel panorama musicale romano ed italiano, sei una voce molto originale che spazia dal blues fino all’ r’&’b, il funky… Ci racconti degli esordi?

Comincio a cantare all’età di 16 anni ed il mio interesse di rivolge da subito soprattutto per la black music. A 18 anni inizio gli studi di musica quando realizzo che la mia attività si svolgerà nel mondo della musica, nonostante provenga da una famiglia di albergatori noti a Roma. Mio padre aveva un albergo in via Giulia in un palazzo meravoglioso seicentesco. Ricordo da ragazzo che un Chet Baker insonne suonava il piano di notte nella hall. 

“Cinquanta sfumature di rosso”, un film di James Foley, la recensione

fifty-shades-freed-final-trailer-spicypulp

Cinquanta sfumature di rosso (Fifty Shades Freed, Usa, 2018) di James Foley con Jamie Dornan, Dakota Johnson, Eric Johnson, Rita Ora, Luke Grimes, Marcia Gay Harden, Jennifer Ehle, Eloise Mumford, Victor Rusak, Max Martini, Brant Daugherty, Arielle Kebbel

Sceneggiatura di Niall Leonard, dal romanzo omonimo di E.L. James (ed. Mondadori)

Sentimentale, 1h 45′, Universal Pictures Entertainment Italy, in uscita l’8 febbraio 2018

Voto: 3 su 10

In molti modi si è tentato di ragionare sul fenomeno mondiale di Cinquanta sfumature e sul suo incredibile successo prima editoriale (definirlo letterario ci sembra azzardato) e poi cinematografico. Fin troppo si è detto della manifesta bassezza prosastica dell’autrice E.L. James, che alla trilogia porno soft deve fama e ricchezza, ma in pochi si sono fermati a considerare quanto il passaggio da carta a celluloide abbia nobilitato un materiale di partenza oggettivamente risibile. È un fatto che fior di studi accademici abbiano dimostrato una fruizione dei romanzi, in realtà, ben più critica e consapevole rispetto al luogo comune dell’ingenua lettrice smaniosa di brividi erotici da quattro soldi, e quindi in grado di coglierne la totale abiezione intellettuale e di apprezzarne l’involontario potenziale comico. Allo stesso modo, supponiamo, dovrebbero essere presi i film, invero, latori di squisiti siparietti camp e impagabili manifestazioni di stupidità che, se nella pagina rischiavano di passare inosservati, sul grande schermo raggiungono il sublime.

Incontro con Ramona Gargano, fotografie di un’attrice sempre “in viaggio”

IMG-20180208-WA0004

Ramona Gargano è una brava e bella attrice emergente. Viene dalla Calabria, terra aspra quanto generosa, e si sta facendo apprezzare, da qualche anno ormai, sui palcoscenici di tutta Italia. Minuta, bruna, sorridente, dotata di uno sguardo sempre attento, curioso e vivace, ci accoglie al termine di una replica dei vari spettacoli che la vedono protagonista nel suo tour teatrale, commentando insieme a noi alcuni scatti della sua vita artistica e professionale.

Ramona, dalla Calabria a Roma è stato il primo passo verso il teatro vissuto come professione. Ci racconti gli esordi e quando hai capito che questa sarebbe stata la tua strada?

Avevo 15 anni. Terzo liceo. La mia migliore amica frequentava il corso di teatro già da un anno e mi invitò a partecipare. Avevo il terrore di inserirmi in un gruppo già consolidato, avevo il terrore di salire su di un palcoscenico, da sola, davanti a tutti. Mi fecero salire sul palco per presentarmi, scaricai l’ansia torturandomi il lobo dell’ orecchio e riuscii a dire giusto tre parole. Poi mi assegnarono il primo personaggio, un piccolo ruolo nell’ “Antigone” di Sofocle. Alla fine di quell’anno ci fu il saggio. Salii sul palcoscenico del teatro comunale della mia città (Teatro Rendano, Cosenza) e davanti a me c’erano 1200 persone. Presi fiato e dissi la prima battuta. Avevo il cuore a mille. Non avevo mai provato una roba così forte. Quella scarica di adrenalina me la ricordo ancora. Da lì continuai il corso fino al diploma, mi furono assegnati ruoli “più importanti” e quel laboratorio di teatro divenne fondamentale per la mia vita, non riuscivo a farne a meno, veniva prima di tutto. Poi mi iscrissi all’università, ma dentro di me qualcosa mi diceva che dovevo fare un “salto” e che dovevo seguire quella strada, la mia. Nel 2010, presi la decisone di trasferirmi a Roma per studiare recitazione in accademia. Così feci, e con testa dura e sacrifici, dopo otto anni, posso dire di aver raggiunto già dei meravigliosi traguardi.

“Chiamami col tuo nome”, un film di Luca Guadagnino, la recensione

913_0

Chiamami col tuo nome (Call Me by Your Name, Francia/Italia/Usa/Brasile, 2017) di Luca Guadagnino con Timothée Chalamet, Armie Hammer, Michael Stuhlbarg, Amira Casar, Esther Garrel, Victoire Du Bois

Sceneggiatura di James Ivory, Luca Guadagnino e Walter Fasano, dal romanzo omonimo di André Aciman (ed. Guanda, coll. Narratori della Fenice)

Drammatico, 2h 12′, Warner Bros. Entertainment Italia, in uscita il 25 gennaio 2018

Voto: 7½ su 10

Scriveva Cesare Pavese, nel racconto Fine d’agosto, che ci sono “estati che hanno ormai nel ricordo un colore unico, sonnecchiano istanti che una sensazione o una parola riaccendono improvvisi, e subito comincia lo smarrimento della distanza, l’incredulità di ritrovare tanta gioia in un tempo scomparso e quasi abolito”. L’estate del 1983 di Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino, tratto dall’omonimo romanzo di André Aciman, ci riporta a percezioni analoghe, a una stagione lontana nel tempo e mitizzata nella memoria, che ritorna ad affacciarsi tra i pensieri della giovinezza in una vertigine vitale di suoni, colori, sapori ed emozioni. In quest’atmosfera si consuma l’amore, assoluto quanto effimero, tra Elio (Chalamet), figlio diciassettenne di archeologi cosmopoliti, e Oliver (Hammer), uno studente americano più grande di lui, giunto nella residenza estiva dei genitori del ragazzo per approfondire i suoi studi. Intorno a loro c’è la verde campagna lombarda, la voce di un fermento politico destinato a fare storia e il mistero di un sentimento nuovo, vissuto nella propria idilliaca pienezza. Le ragazze restano sullo sfondo, incapaci di sostenere quell’amore che porta a scambiare il proprio nome con quello dell’altro.