lobby-still-1_800x600_IBttAR_2_it_1_51266_82511_510734_822

“Fräulein – Una fiaba d’inverno”, esordio sospeso tra ironia e tenerezza

Fräulein – Una fiaba d’inverno (Italia, 2016) di Caterina Carone con Christian De Sica, Lucia Mascino, Therese Hämer, Irina Wroma, Max Mazzotta Sceneggiatura di Caterina Carone Commedia, 1h 33′, Videa, in uscita il Leggi »

La_pazza_gioia-01

“La pazza gioia”, Virzì commuove e dirige due attrici meravigliose

La pazza gioia (Italia/Francia, 2016) di Paolo Virzì con Valeria Bruni Tedeschi, Micaela Ramazzotti, Valentina Carnelutti, Anna Galiena, Marco Messeri, Tommaso Ragno, Bob Messini, Marisa Borini Sceneggiatura di Paolo Virzì e Francesca Leggi »

50330_ppl

“Colonia”, un fotoromanzo a sfondo storico che sembra una fiction tv

Colonia (id, Germania, 2016) di Florian Gallenberger con Emma Watson, Daniel Brühl, Michael Nyqvist, Richenda Carey, Vicky Krieps, Jeanne Werner Sceneggiatura di Torsten Wenzel, Florian Gallenberger Drammatico, 1h 50′, Good Films, in Leggi »

pericle_ilnero

“Pericle il Nero”, un glaciale ibrido tra noir e dramma

Pericle il Nero (Italia, 2016) di Stefano Mordini con Riccardo Scamarcio, Marina Foïs, Valentina Acca, Gigio Morra, Maria Luisa Santella Sceneggiatura di Francesca Marciano, Valia Santella, Stefano Mordini liberamente ispirato al romanzo Leggi »

thedressmaker_03

“The Dressmaker”, strepitosa Kate Winslet ma la commedia gira a vuoto

The Dressmaker (id, Australia, 2015) di Jocelyn Moorhouse con Kate Winslet, Judy Davis, Liam Hemsworth, Hugo Weaving, Shane Bourne, Sarah Snook, Alison Whyte, Kerry Fox, Caroline Goodall, James Mackay, Rebecca Gibney Sceneggiatura Leggi »

la-foresta-dei-sogni-con-matthew-mcconaughey-al-cinema-quattro-clip-dal-film-news

“La foresta dei sogni”, fragile Van Sant abbandonato nel mare dei suicidi

 La foresta dei sogni (The Sea of Trees, Usa, 2015) di Gus Van Sant con Matthew McConaughey, Ken Watanabe, Naomi Watts, Jordan Gavaris, Katie Aselton Sceneggiatura di Chris Sparling Drammatico, 1h 50′, Leggi »

triple9d-xlarge

“Codice 999″, il neo-noir e i suoi stilemi in un film dimenticabile

Codice 999 (Triple Nine, Usa, 2016) di John Hillcoat con Casey Affleck, Chiwetel Ejiofor, Aaron Paul, Kate Winslet, Woody Harrelson, Anthony Mackie, Clifton Collins jr, Norman Reedus, Teresa Palmer, Michael K. Williams, Leggi »

love-mercy-online-una-ricca-gallery-di-nuove-foto-254853-1280x720

“Love & Mercy”, ottimi interpreti per l’ambizioso biopic su Brian Wilson

Love & Mercy (id, Usa, 2014) di Bill Pohlad con Paul Dano, John Cusack, Elizabeth Banks, Paul Giamatti, Jake Abel, Joanna Going, Kenny Wormald Sceneggiatura di Oren Moverman, Michael Alan Lerner Biografico, Leggi »

“Fräulein – Una fiaba d’inverno”, esordio sospeso tra ironia e tenerezza

lobby-still-1_800x600_IBttAR_2_it_1_51266_82511_510734_822

Fräulein – Una fiaba d’inverno (Italia, 2016) di Caterina Carone con Christian De Sica, Lucia Mascino, Therese Hämer, Irina Wroma, Max Mazzotta

Sceneggiatura di Caterina Carone

Commedia, 1h 33′, Videa, in uscita il 26 maggio 2016

Voto: 6½ su 10

Quasi intimidita da tanta attenzione, la nostra ospite parla alla sala muovendosi di continuo sulla sedia, mentre regge nervosamente il microfono in una mano e con l’altra disegna figure nell’aria. Eppure la sua esposizione è chiara e diretta, con un’evidente cura nello scegliere le parole con cui comunicarci i suoi pensieri. Lei è Caterina Carone, classe 1982, che ha scritto e diretto Fräulein – Una fiaba d’inverno, un delicato racconto sull’amicizia e la riconciliazione con il proprio io, che ha il tocco leggero di un soffio di aria fresca nella produzione del mondo della celluloide italiano.

“La pazza gioia”, Virzì commuove e dirige due attrici meravigliose

La_pazza_gioia-01

La pazza gioia (Italia/Francia, 2016) di Paolo Virzì con Valeria Bruni Tedeschi, Micaela Ramazzotti, Valentina Carnelutti, Anna Galiena, Marco Messeri, Tommaso Ragno, Bob Messini, Marisa Borini

Sceneggiatura di Paolo Virzì e Francesca Archibugi

Commedia, 1h 56′, 01 Distribution, in uscita il 17 maggio 2016

Voto: 8 su 10

Fa piacere notare come la stagione cinematografica italiana sia stata aperta e ora chiusa da due film che resteranno nel tempo, la bellissima, disperata opera postuma di Claudio Caligari Non essere cattivo, e questo vitale, irresistibile ultimo lavoro di Paolo Virzì, La pazza gioia, scritto insieme a Francesca Archibugi e colpevolmente relegato nella sezione Quinzaine des Réalisateurs a Cannes, dove gli applausi l’hanno travolto.

“Colonia”, un fotoromanzo a sfondo storico che sembra una fiction tv

50330_ppl

Colonia (id, Germania, 2016) di Florian Gallenberger con Emma Watson, Daniel Brühl, Michael Nyqvist, Richenda Carey, Vicky Krieps, Jeanne Werner

Sceneggiatura di Torsten Wenzel, Florian Gallenberger

Drammatico, 1h 50′, Good Films, in uscita il 26 maggio 2016

Voto: 4 su 10

11 settembre 1973: in Cile esplode il colpo di stato contro il generale Pinochet. Una coppia di cittadini tedeschi viene travolta dagli eventi: Daniel (Brühl), sospettato di cospirazionismo, viene arrestato dalla polizia segreta, mentre la sua fidanzata Lena (Watson) farà di tutto per ritrovarlo. Arriverà a farsi assumere nella missione di Colonia Dignidad, nel Sud del paese, dove una setta guidata dal predicatore laico Paul Schäfer (Nyqvist) segrega i prigionieri politici e dalla quale mai nessuno è riuscito a fuggire.

“Pericle il Nero”, un glaciale ibrido tra noir e dramma

pericle_ilnero

Pericle il Nero (Italia, 2016) di Stefano Mordini con Riccardo Scamarcio, Marina Foïs, Valentina Acca, Gigio Morra, Maria Luisa Santella

Sceneggiatura di Francesca Marciano, Valia Santella, Stefano Mordini liberamente ispirato al romanzo omonimo di Giuseppe Ferrandino (ed. Adelphi, 2002)

Drammatico, 1h 45′, BiM, in uscota il 12 maggio 2016

Voto: 3 su 10

“Io mi chiamo Pericle Scalzone… Di mestiere faccio il…”, non si ha il tempo di stabilire se la parte finale dell’ambigua affermazione, qui omessa per opportune ragioni, sia da ritenersi un usuale gioco di parole, che la sua rappresentazione alla lettera ci viene mostrata in tutta la sua crudezza. Inizia così Pericle il Nero, assestandoci un inaspettato pugno nello stomaco che lascerà una sgradevole sensazione per tutta la durata della pellicola.

“The Dressmaker”, strepitosa Kate Winslet ma la commedia gira a vuoto

thedressmaker_03

The Dressmaker (id, Australia, 2015) di Jocelyn Moorhouse con Kate Winslet, Judy Davis, Liam Hemsworth, Hugo Weaving, Shane Bourne, Sarah Snook, Alison Whyte, Kerry Fox, Caroline Goodall, James Mackay, Rebecca Gibney

Sceneggiatura di Jocelyn Moorhouse, P.J. Hogan dal romanzo “The Dressmaker” di Rosalie Ham (Mondadori)

Commedia, 1h 58′, Eagle Pictures, in uscita il 28 aprile 2016

Voto: 5½ su 10

Se la protagonista è Kate Winslet, ogni film si porta dietro un carico di aspettative notevole. Purtroppo la presenza della grande attrice inglese, anche in questo caso alle prese con un’interpretazione superiore a ogni lode, non riesce a salvare dalla confusione questa deludente trasposizione cinematografica del romanzo omonimo di Rosalie Ham. The Dressmaker, invano spacciato in Italia come un epigono del Diavolo veste Prada, paga l’incertezza fatale tra generi e la cronica mancanza di sintesi.

“La foresta dei sogni”, fragile Van Sant abbandonato nel mare dei suicidi

la-foresta-dei-sogni-con-matthew-mcconaughey-al-cinema-quattro-clip-dal-film-news

 La foresta dei sogni (The Sea of Trees, Usa, 2015) di Gus Van Sant con Matthew McConaughey, Ken Watanabe, Naomi Watts, Jordan Gavaris, Katie Aselton

Sceneggiatura di Chris Sparling

Drammatico, 1h 50′, Lucky Red, in uscita il 28 aprile 2016

Voto: 6½ su 10

Esistono due anime registiche per Gus Van Sant: c’è l’autore scabro, secco, raggelante e infinitamente interessante di opere come Belli e dannati, Last Days e Elephant, e c’è il mestierante dalle emozioni facili e ben narrate per film di grande successo come Will Hunting e Scoprendo Forrester. L’ultimo film del regista americano, La foresta dei sogni (deprimente titolo italiano per l’originale The Sea of Trees), già male accolto a Cannes 2015, appartiene purtroppo alla seconda categoria, quella più convenzionale e patinata, ma in alcun modo disprezzabile a priori.

“The Human Jukebox”, gli Oblivion incantano con la loro “esilarante” bravura

image

THE HUMAN JUKEBOX

con gli OBLIVION

Consulenza Registica Giorgio Gallione

Musiche Lorenzo Scuda

TestiDavide Calabrese e Lorenzo Scuda

Al teatro Sistina di Roma dal 4 al 15 maggio 2016

Voto: 9 su 10

Sono approdati nella capitale i “cinque cialtroni più irriverenti del teatro e della rete” e la prima, al Sistina, è stata un continuo di applausi e risate. Parte col botto l’avventura romana degli Oblivion: grande performance e grande energia. A Roma, è vero, ci sono già stati con i loro precedenti spettacoli (Oblivion.zip, Oblivion Show 2.0, Far finta di essere G, Othello, la H è muta) ma calcare il palco del Sistina di fatto dimostra in modo indiscutibile il raggiungimento della piena maturazione di un progetto partito quasi per gioco. Più di 10 anni fa infatti cinque ragazzi (Graziana Borciani, Davide Calabrese, Francesca Folloni, Lorenzo Scuda, Fabio Vagnarelli) cresciuti a pane, teatro e musical si divertivano a realizzare piccoli corti musicali con talento e coraggiosa irriverenza (storico è il loro “I Promessi Sposi in 10 minuti”). Dopo tanti click dalla rete e milioni di visualizzazioni sono arrivati per gli Oblivion i primi spettacoli e le prime collaborazioni e, infine, le partecipazioni televisive e l’ingresso nei cartelloni dei maggiori teatri nazionali.

“Codice 999″, il neo-noir e i suoi stilemi in un film dimenticabile

triple9d-xlarge

Codice 999 (Triple Nine, Usa, 2016) di John Hillcoat con Casey Affleck, Chiwetel Ejiofor, Aaron Paul, Kate Winslet, Woody Harrelson, Anthony Mackie, Clifton Collins jr, Norman Reedus, Teresa Palmer, Michael K. Williams, Gal Gadot

Sceneggiatura di Matt Cook

Thriller, 2h 05′, M2 Pictures, in uscita il 21 aprile 2016

Voto: 6 su 10

Manderà in orbita i non pochi amanti del gangster movie, genere riveduto e corretto secondo i canoni brutali del cinema contemporaneo, questo nuovo film diretto dal regista di The Road John Hillcoat. Forte di un cast altisonante e di un confezionamento d’impatto, Codice 999 (ossia il segnale radio della polizia per indicare un uomo colpito a terra) segna anche una nuova tappa del neo-noir, di gran moda dopo l’exploit di Scorsese con The Departed e declinato, negli ultimissimi tempi, secondo le più fosche traiettorie della corruzione umana.

“Love & Mercy”, ottimi interpreti per l’ambizioso biopic su Brian Wilson

love-mercy-online-una-ricca-gallery-di-nuove-foto-254853-1280x720

Love & Mercy (id, Usa, 2014) di Bill Pohlad con Paul Dano, John Cusack, Elizabeth Banks, Paul Giamatti, Jake Abel, Joanna Going, Kenny Wormald

Sceneggiatura di Oren Moverman, Michael Alan Lerner

Biografico, 2h, Adler Entertainment, in uscita il 31 marzo 2016

Voto: 6½ su 10

Il gruppo musicale californiano dei Beach Boys è, per i più, sinonimo di spiagge, sole e flirt estivi con belle ragazze in bikini. Eppure, ai lati della giocosa serenità dei brani, la band aveva un lato oscuro difficile da intuire. Love & Mercy racconta la vita di Brian Wilson, mente artistica e fondatore del celebre quintetto vocale che ridefinì i canoni della pop music degli anni Sessanta, concentrandosi su due precisi periodi della sua esistenza: l’ascesa della band, segnata da grandi successi e da una inesauribile sperimentazione sonora, e il drammatico crollo nervoso che lo portò ad abbandonare il gruppo.

“Dancing partners”, ensemble europeo di danza contemporanea al Vascello

Ek

DANCING PARTNERS

SPELLBOUND CONTEMPORARY BALLET
THE HESITATION DAY
Coreografia: Mauro Astolfi
Musica: Norn Amon Tobin
Disegno Luci: Marco Policastro
Interpreti: Fabio Cavallo, Giovanni La Rocca, Mario Laterza, Giacomo Todeschi

NORRDANS
PAS DE DANSE
Coreografia: Mats Ek
Musica: J.P. Nyström, Benny Anderssons Orkester
Disegno Luci:Jörgen Jansson
Interpreti: Tomáš Červinka, Viktor Konvalinka, Hanna Nussbaumer, Leila Verlinden

COMPANY CHAMELEON
PUSH
Coreografia: Anthony Missen & Kevin Edward Turner
Musica: Savath + Savalas, Ryuichi Sakamoto
Interpreti: Thomasin Gulgec,Theo Fapohunda

THOMAS NOONE DANCE
UNTIL THE END
Coreografia: Thomas Noone
Musica: Miguel Marin (Arbol)
Disegno Luci: Thomas Noone e Enric Alarcon
Assistente coreografa: Nuria Martinez
Interpreti: Alba Barral, Jeronimo Forteza, Javier Garcia

NORRDANS
TUOMAS
Coreografia: Katrín Hall
Musica: Ólafur Arnalds e Jóhann Jóhannsson
Arrangiamento ed esecuzione: Jesper Norberg e Patrik Grundström
Costumi: Helle Carlsson
Interpreti: Viktor Konvalinka, Hanna Nussbaumer

SPELLBOUND CONTEMPORARY BALLET
LOST FOR WORDS/L’INVASIONE DELLE PAROLE VUOTE – STUDIO III
Coreografia: Mauro Astolfi
Musica Originale: Carlo Alfano
Musica: Michal Jacaszek
Disegno Luci:  Marco Policastro
Interpreti: Fabio Cavallo, Maria Cossu, Giovanni la Rocca, Mario Laterza, Giuliana Mele,   Claudia Mezzolla, Giacomo Todeschi, Violeta Wulff Mena, Serena Zaccagnini

In scena al Teatro Vascello di Roma

Voto: 7 su 10

Ha toccato la città di Roma con due serate al Teatro Vascello di Roma, in attesa di approdare al Teatro Flavio Vespasiano di Rieti il prossimo 8 aprile, l’iniziativa itinerante per la promozione della danza contemporanea chiamata “Dancing Partners”. Italia, Spagna, Inghilterra e Svezia schierano rispettivamente la Spellbound contemporary ballet con le coreografie di Mauro Astolfi , la Thomas Noone Dance del coreografo Thomas Noone, la Company Chamaleon di Anthony Missen e Kevin Edward Turner, e infine la Norrdanse che interpreta un balletto di Mats Ek e un passo a due di Karín Hall.