Tag Archives: Marina Rocco

“Il Don Giovanni”, Filippo Timi-rockstar in una farsa senza sostanza

IL DON GIOVANNI
Vivere è un abuso, mai un diritto

uno spettacolo di e con Filippo Timi
e con Lucia Mascino, Marina Rocco, Elena Lietti, Umberto Petranca, Alexandre Styker, Matteo De Blasio, Fulvio Accogli, Roberto Laureri
regia e scena Filippo Timi
luci Gigi Saccamandi
costumi Fabio Zambernardi
in collaborazione con Lawrence Steele
regista assistente Fabio Cherstich
produzione Teatro Franco Parenti / Teatro Stabile dell’Umbria

in scena al Teatro Argentina di Roma fino al 15 marzo

Voto: 6½ su 10

Il troppo stroppia, dicevano i saggi. Ma la cosa non sembra aver troppo condizionato Filippo Timi per questa sua riscrittura del Don Giovanni, adottato come nuovo mito di massa contemporaneo, che nulla ha a che vedere né col libercolo di Lorenzo Da Ponte, né con Moliere e né con Mozart. Piuttosto, è un figlio perfetto della cultura trash e commerciale del berlusconismo, che si adegua di conseguenza a una realtà da consumare avidamente prima della fine delle trasmissioni.

“Nessuno si salva da solo”, enfasi e falsità nel melò di Castellitto

Nessuno si salva da solo (Italia, 2015) di Sergio Castellitto con Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca, Anna Galiena, Massimo Bonetti, Marina Rocco, Eliana Miglio, Roberto Vecchioni, Angela Molina

Sceneggiatura di Margaret Mazzantini, dal suo romanzo omonimo (ed. Mondadori)

Drammatico, 1h 40′, Universal Pictures International Italy, in uscita il 5 marzo 2015

Voto: 3 su 10

Giunto alla sua quinta regia, Sergio Castellitto traspone sul grande schermo ancora una volta un romanzo della moglie Margaret Mazzantini, coinvolgendola alla sceneggiatura. Ebbene, i due condividono un percorso autoriale che tende al ribasso di lavoro in lavoro. Dopo l’exploit di Non ti muovere, un film notevole tratto da un libro altrettanto ispirato, si è passati a Venuto al mondo, un melodrammone a sfondo bellico che, se sulla carta aveva solo alcuni ottimi spunti, al cinema si tramutò in un tremendo piagnisteo. Nessuno si salva da solo rappresenta, a ora, il punto artistico più basso raggiunto dalla coppia, perchè traduzione del romanzo meno felice e sincero della Mazzantini, che nelle mani del regista Castellitto diventa un falsissimo armamentario di scene madri senza vita.

“Nina”, tanta invadente estetica per l’esordio di Elisa Fuksas

Nina (Italia, 2012) di Elisa Fuksas con Diane Fleri, Luca Marinelli, Marina Rocco, Andrea Bosca, Ernesto Mahieux, Luigi Catani, Claudia Della Seta

Sceneggiatura di Elisa Fuksas e Valia Santella

Commedia, 1h 24’, Fandango, in uscita il 18 aprile 2013

Voto: 5 su 10

C’era un tempo in cui la Capitale agostana era silenziosa e deserta, dove la dimensione sognante e fuori dal reale si rifletteva perfettamente in un quartiere speculare come l’Eur, l’altra Roma per eccellenza, ritratta da Antonioni e Fellini come luogo catartico e simulacro di solitudini contrastanti, forse irrisolvibili.