Tag Archives: Jason Bateman

“La famiglia Fang”, genitori e figli senza identità nel film di Bateman

La famiglia Fang (The Family Fang, Usa, 2016) di Jason Bateman con Nicole Kidman, Jason Bateman, Christopher Walken, Maryann Plunkett, Jason Butler Harner, Kathryn Hahn, Harris Yulin

Sceneggiatura di David Lindsay-Abaire, romanzo omonimo di Kevin Wilson (ed. Fazi)

Drammatico, 1h 47’, Adler Entertainment, in uscita il 1 settembre 2016

Voto: 6 su 10

La presenza di Jason Bateman, anche regista alla sua seconda opera, non inganni: La famiglia Fang non è una delle tante, innocue commediole americane in cui l’attore ha presenziato negli ultimi anni. È piuttosto una grottesca e dolente indagine sulla manipolazione che certi genitori attuano sui propri figli, creando degli adulti fragili e smarriti. Se poi i genitori sono degli artisti d’avanguardia c’è ben poco da stare allegri.

“Regali da uno sconosciuto”, qualche buco nel thriller d’esordio di Edgerton

Regali da uno sconosciuto – The Gift (The Gift, Usa, 2015) di Joel Edgerton con Rebecca Hall, Jason Bateman, Joel Edgerton, Allison Tolman, Busy Phillips

Sceneggiatura di Joel Edgerton

Thriller, 1h 48′, Koch Media, in uscita il 3 marzo 2016

Voto: 5½ su 10

Ritorna finalmente il thriller vecchia scuola, quello con la coppietta felice e l’intruso dissociato che trasformerà il loro roseo tran tran in un inferno. Com’era bello quando dagli Stati Uniti arrivavano certi filmetti che non ti permettevano neppure di andare a bere un bicchiere d’acqua senza rischiare di non perdere un colpo di scena. Erano i tempi di Malice, di Abuso di potere e Uno sconosciuto alla porta (chi se li ricorda?), bistrattati all’epoca, ma oggetti di piccoli culti inconfessabili oggi. Ci ha ripensato l’attore australiano Joel Edgerton, per l’occasione anche regista e sceneggiatore, a riportare il genere in auge con questo suo The Gift, in Italia tramutato nel più convenzionale Regali da uno sconosciuto.

“Come ammazzare il capo 2”, sequel meccanico tra action e volgarità

Come ammazzare il capo 2 (Horrible Bosses 2, Usa, 2014) di Sean Anders con Jason Bateman, Jason Sudeikis, Charlie Day, Jennifer Aniston, Jamie Foxx, Chris Pine, Christoph Waltz, Kevin Spacey, Kelly Stables

Sceneggiatura di Sean Anders, John Morris

Commedia, 1h 44′, Warner Bros. Pictures Italia, in uscita l’8 gennaio 2015

Voto: 5 su 10

L’inevitabile seguito del fortunatissimo Come ammazzare il capo… e vivere felici ripropone, senza varianti evidenti, gli stessi argomenti del film precedente. I tre protagonisti (Bateman, Sudeukis e Day), solo momentaneamente liberi dai loro odiati boss, vogliono ora sbarcare il lunario con una doccia combinata di loro invenzione. Il finanziatore (Waltz), però, è una carogna che li lascia sul lastrico. Cosa c’è di meglio da fare se non rapirgli il figlio viziato e megalomane (Pine) per chiedere un lauto riscatto? Forse solo non lasciarsi imbrogliare dal ragazzo…

“Disconnect”, i rapporti umani ai tempi della rete, un mosaico emozionante

Disconnect (id, Usa, 2012) di Henry Alex Rubin, con Jason Bateman, Hope Davis, Frank Grillo, Michael Nyqvist, Paula Patton, Andrea Riseborough, Alexander Skarsgård, Max Thieriot, Jonah Bobo, Colin Ford, Haley Ramm, Kasi Lemmons

Sceneggiatura di Andrew Stern

Drammatico, 1h 55′, Filmauro, in uscita il 9 gennaio 2014

Voto: 6½ su 10

Arriva in sala Disconnect, a due anni dalla fortunata presentazione alla 69a Mostra di Venezia, intenso apologo morale/sociale sui pericoli della rete, diretto dal documentarista Henry Alex Rubin, già candidato all’Oscar nel 2006 per Murderball, dove storie differenti si riveleranno “connesse” tra loro e dalle insidie che il mondo di Internet nasconde. 

“Io sono tu”, niente di nuovo sul fronte della commedia americana

Io sono tu (Identity Thief, Usa, 2013) di Seth Gordon, con Jason Bateman, Melissa McCarthy, Amanda Peet, Jon Favreau, Robert Patrick, Eric Stonestreet

Sceneggiatura di Craig Mazin

Commedia, 1h 51’, Universal Pictures International Italy, in uscita l’8 agosto 2013

Voto: 5 su 10

Esce in sala sotto il caldo sole d’agosto, e dopo mesi di continui slittamenti, questa stupida commediola on the road diretta da Seth Gordon (Come ammazzare il capo… e vivere felici), un grosso grasso successo in patria, giustificato dall’enorme popolarità di cui godono i due attori protagonisti e non dall’irresistibilità dello script, figlio illegittimo delle recenti scorribande ‘da leoni’ (ambiente dal quale lo sceneggiatore Mazin proviene) e di tutta una serie di buddy movie ben più riusciti.