Tag Archives: Gianmarco Tognazzi

“Incompresa”, Asia in una non-biografia di disarmante sincerità

Incompresa (Italia, 2014) di Asia Argento, con Giulia Salerno, Gabriel Garko, Charlotte Gainsbourg, Carolina Poccioni, Anna Lou Castoldi, Justin Pearson, Max Gazzé, Gianmarco Tognazzi, Andrea Pittorino, Riccardo Russo

Sceneggiatura di Asia Argento e Barbara Alberti

Drammatico, 1h 43′, Good Films, in uscita il 5 giugno 2014

Voto: 6½ su 10

A qualcuno piace Cannes. Per la precisione ad Asia Argento, che ha presentato – con discreto successo – nel concorso collaterale Un certain regard dell’appena trascorsa kermesse francese, la sua ultima fatica registica, Incompresa, a dieci anni dal precedente Ingannevole è il cuore più di ogni altra cosa e a due dal Dracula 3D di papà Dario. Non un film autobiografico, tiene a precisare, ma che trova ispirazione all’interno della vita della sua autrice. 

“Tutta colpa di Freud”, commedia romantica tagliata per il successo

Tutta colpa di Freud (Italia, 2013) di Paolo Genovese, con Marco Giallini, Vittoria Puccini, Anna Foglietta, Claudia Gerini, Alessandro Gassman, Vinicio Marchioni, Laura Adriani, Daniele Liotti, Paolo Calabresi, Edoardo Leo, Giulia Bevilacqua, Gianmarco Tognazzi, Maurizio Mattioli, Fiammetta Cicogna, Francesco Apolloni, Dodi Conti, Antonio Manzini

Soggetto di Paolo Genovese, Leonardo Pieraccioni, Paola Mannini, sceneggiatura di Paolo Genovese dal suo romanzo omonimo (ed. Mondadori)

Commedia, 2h, Medusa Film, in uscita il 23 gennaio 2014

Voto: 6 su 10

Il cinema italiano di successo ha il volto di Paolo Genovese (e di Luca Miniero, non a caso suo compare nel delizioso esordio comune Incantesimo napoletano), ormai una garanzia per quel che riguarda un certo tipo di commedia soffice e inoffensiva, ricetta evidentemente collaudata al punto da spingere la Medusa a investire ben sei milioni di euro per la realizzazione di quest’ultimo Tutta colpa di Freud, girotondo sentimentale che sogna Woody Allen ma che si accontenta anche dell’ultimo Garry Marshall o, perché no, di languori d’epoca alla Jean Negulesco (chi si ricorda il classico Tre soldi nella fontana?).