Tag Archives: The Walt Disney Company

“Nomadland”, un film di Chloé Zhao, la recensione

Nomadland (id, Usa, 2020) di Chloé Zhao con Frances McDormand, David Strathairn, Linda May, Swankie, Bob Wells

Sceneggiatura di Chloé Zhao, dal libro “Nomadland. Un racconto d’inchiesta” di Jessica Bruder (Edizioni Clichy)

Drammatico, 1h 48’, The Walt Disney Company Italia, in uscita il 26 aprile 2021 e dal 29 aprile in VOD

Voto: 6 su 10

In una stagione cinematografica segnata indelebilmente dalla pandemia e dalla chiusura delle sale, Nomadland di Chloé Zhao ha rappresentato l’obiettivo principale dal quale ripartire: forte di una eco importante, iniziata ben prima del Leone d’Oro vinto alla 77a Mostra del Cinema di Venezia, dove  era in assoluto il titolo più atteso, il film ha terminato la sua cavalcata verso la gloria durante la notte degli Oscar più morigerata che storia ricordi, con il riconoscimento alla regia, all’attrice protagonista (una McDormand a quota 3 statuette) e al film stesso. Restrizioni permettendo, l’opera dell’autrice cino-americana è riuscita a conquistarsi il buio della sala, ma con distribuzione on demand in contemporanea, come fiore all’occhiello dell’ormai lanciatissimo bouquet Disney.

“Il re leone”, un film di Jon Favreau, la recensione

Il re leone (The Lion King, Usa, 2019) di Jon Favreau con le voci di Marco Mengoni, Elisa, Massimo Popolizio, Luca Ward, Edoardo Leo, Stefano Fresi, Toni Garrani, Emiliano Coltorti

Sceneggiatura di Jeff Nathanson, dal soggetto del film d’animazione omonimo del 1994

Animazione live action, The Walt Disney Company Italia, in uscita il 21 agosto 2019

Voto: 5 su 10

Quella dei remake dei classici Disney in versione live action è una realtà ormai assodata, volenti o nolenti. Dopo le riproposte, solo in quest’ultima stagione cinematografica, del Dumbo firmato da Tim Burton e dell’Aladdin di Guy Ritchie, arriva l’attesissima versione photo real de Il re leone, il più grande successo economico nella storia dell’animazione disneyana, sebbene poco amato dai puristi più intransigenti. Il film del 1994, impreziosito dalle musiche di Elton John e, nella versione italiana, dal doppiaggio di Vittorio Gassman per il re Mufasa, era uno spettacolo di colori e vivacità, uniti alla grande emozione di un racconto di ascendenza shakespeariana che sapeva come catturare il cuore del pubblico; oggi, con la regia dell’attore Jon Favreau, la storia non cambia ma si dilunga un po’ troppo e, soprattutto, si perde completamente il calore emotivo che avvolgeva l’originale.

“Avengers: Infinity War”, un film di Joe ed Anthony Russo, la recensione

Avengers: Infinity War (id, Usa, 2018) di Joe ed Anthony Russo con Chris Pratt, Scarlett Johansson, Karen Gillan, Zoe Saldana, Tom Holland, Benedict Cumberbatch, Chris Evans, Dave Bautista, Cobie Smulders, Chris Hemsworth, Robert Downey Jr., Vin Diesel, Sebastian Stan, Josh Brolin, Elizabeth Olsen, Bradley Cooper, Chadwick Boseman, Danai Gurira, Paul Bettany, Mark Ruffalo, Benicio Del Toro, Sean Gunn, Benedict Wong, Anthony Mackie, Terry Notary

Sceneggiatura di Christopher Marcus e Stephen McFeely, basata sui personaggi create da Stan Lee e Jack Kirby

Avventura, Azione, Fantasy, 2h 29’, The Walt Disney Company Italia, in uscita il 25 aprile 2018

Voto: 9 su 10

Sono passati dieci anni dall’uscita nelle sale di “Iron Man”, primo capitolo di una serie di film dedicati alle avventure di Tony Stark, il miliardario super eroe creato dalla fantasia di Stan Lee, apparso per la prima volta nell’ormai lontano 1963, tra le pagine della raccolta “Tales of suspence”.

“Cars 3”, un film di Brian Fee, la recensione

Cars 3 (id, Usa, 2017) di Brian Fee

Soggetto di Brian Fee, Ben Queen, Eyal Podell, Jonathon E. Stewart, Robert Peterson

Sceneggiatura di Kiel Murray

Animazione, 1h 42′, The Walt Disney Company Italia, in sala dal 14 settembre 2017

Voto: 6 su 10

Il vecchio che arretra, il nuovo che avanza: tema dei più classici per il ritorno in pista di Saetta McQueen e soci, giunti al terzo capitolo del brand Pixar Cars, inaugurato nel 2006 con straordinario successo di pubblico e proseguita nel 2011 con meno fortuna. Nato dalla mente di John Lasseter, il progetto era già agli esordi lontanissimo dall’abituale genialità di forma e contenuti dei più celebri capolavori prodotti dagli studios di Emeryville, eppure più dell’originalità poterono la simpatia delle automobili antropomorfizzate, i colori sgargianti e il ritmo vorticoso, tanto da popolare le camerette dei piccoli under 10 con pupazzi e trapuntine della macchinetta rossa fiammante.

“La bella e la bestia”, un film di Bill Condon, la recensione

 La bella e la bestia (Beauty and the Beast, Usa, 2017) di Bill Condon con Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Kevin Kline, Josh Gad, Ewan McGregor, Stanley Tucci, Ian McKellen, Emma Thompson, Audra McDonald, Gugu Mbatha-Raw, Hattie Morahan

Sceneggiatura di Stephen Chbosky, Evan Spiliotopoulos

Fantasy, 2h 09’, The Walt Disney Company Italia, in uscita il 16 marzo 2017

Voto: 7 su 10

Continua la moda delle rivisitazioni live action dei classici animati della Disney, dopo le sortite non troppo felici di Tim Burton con Alice in Wonderland e di Kenneth Branagh con Cenerentola (della Jolie di Maleficent meglio tacere). Tocca ora a Bill Condon, il regista del meraviglioso e dimenticato Demoni e dei e del musical sulle Supremes Dreamgirls, riportare sul grande schermo la magia di uno dei film d’animazione più amati dell’inossidabile casa di produzione, La bella e la bestia del 1991, diretto da Kirk Wise e Gary Trousdale con musiche di Alan Menken e canzoni di Howard Ashman, straordinario successo di pubblico e primo caso della storia di cartone animato a concorrere per l’Oscar come Miglior Film dell’anno.

“Star Wars – Il risveglio della forza”, il mito ritorna grazie a J.J. Abrams

Star Wars – Il risveglio della forza (Star Wars: Episode VII – The Force Awakens, Usa, 2015) di J.J. Abrams con Harrison Ford, Carrie Fisher, Daisy Ridley, Adam Driver, Oscar Isaac, John Boyega, Mark Hamill, Lupita Nyong’o, Andy Serkis, Domhnall Gleeson, Peter Mahiew, Max Von Sydow, Anthony Daniels, Kenny Baker

Sceneggiatura di J.J. Abrams, Michael Arndt, Lawrence Kasdan

Fantasy, 2h 16′, The Walt Disney Company Italia, in uscita il 16 dicembre 2016

Voto: 7½ su 10

Se c’è almeno un motivo indubbio per essere grati a J.J. Abrams per questo settimo capitolo della saga di Star Wars, è certamente quello di essere riuscito a cancellare il brutto ricordo dei tre prequel di ultima generazione firmati da George Lucas. Proprio lui, il regista del primo, insuperato e indimenticabile Guerre stellari datato 1977, vendendo il suo impero alla Disney, ha lasciato che a impugnare la spada laser dell’operazione di rinnovo fosse la mente di Lost, figlio dell’epoca d’oro del fantasy (già omaggiato nel nostalgico Super8) e abile soccoritore per saghe in crisi creativa (già salvate Star Trek e Mission: Impossible).

“Il viaggio di Arlo”, classico racconto di formazione che sa commuovere

Il viaggio di Arlo (The Good Dinosaur, Usa, 2015) di Peter Sohn con le voci (in originale) di Raymond Ochoa, Jeffrey Wright, Sam Elliot, Anna Paquin, Frances McDormand, Steve Zahn

Sceneggiatura di Meg LeFavue

Animazione, 1h 40′, The Walt Disney Company Italia, in uscita il 25 novembre 2015

Voto: 7 su 10

A Il viaggio di Arlo, nuovo lungometraggio targato Pixar, va riconosciuto un onere ingrato, quello di arrivare a breve distanza da un capolavoro che ha stupito e commosso il mondo come Inside Out. Probabilmente quest’impossibile confronto era chiaro anche nei corridoi degli studi di Emeryville, se per questo delizioso cartone animato si è ricorsi al più classico e consolidato degli schemi narrativi, così da non correre alcun rischio e, al contempo, di non sbagliare.

“Inside Out”, straordinario ritorno della Pixar con un film geniale e struggente

Inside Out (id, Usa, 2015) di Pete Docter e Ronnie Del Carmen

Sceneggiatura di Pete Docter, Meg LeFauve, Josh Cooley

Animazione, 1h 34′, The Walt Disney Company Italia, in uscita il 16 luglio 2015

Voto D’Errico: 9 su 10
Voto Ozza: 10 su 10

Lo si è atteso a lungo questo grande ritorno della Pixar all’eccellenza, dopo alcuni anni di delusioni dettate non tanto dalla reale mediocrità dei lungometraggi presentati, quanto piuttosto dall’essere stati troppo ben abituati a capolavori ad ogni uscita. Con Inside Out gli studios di Emeryville ritrovano il regista e sceneggiatore di Monsters Inc. e Up Pete Docter e, con lui, una tipica storia pixariana su un mondo parallelo al reale, che condiziona e determina un’apparente normalità.