Tag Archives: Logan Miller

“Tuo, Simon”, un film di Greg Berlanti, la recensione

Tuo, Simon (Love, Simon, Usa, 2018) di Greg Berlanti con Nick Robinson, Katherine Langford, Josh Duhamel, Jennifer Garner, Talitha Eliana Bateman, Alexandra Shipp, Miles Heizer, Logan Miller

Sceneggiatura di Elizabeth Berger e Isaac Aptaker, dal libro “Non so chi sei, ma io sono qui” di Becky Albertalli (ed. Mondadori)

Commedia, 1h 50′, 20th Century Fox Italia, in uscita il 31 maggio 2018

Voto: 6½ su 10

Per chi non ne fosse a conoscenza, Greg Berlanti è uno dei più potenti produttori televisivi d’America, apertamente gay e artefice di serial che sono ormai storia dell’intrattenimento statunitense come Dawson’s Creek, Everwood e soprattutto Brothers & Sisters, dove il volto politicamente impegnato dell’omosessualità e della famiglia disfunzionale tenne banco come mai prima di allora per ben cinque stagioni. Non stupisce, quindi, che l’adattamento cinematografico del piccolo romanzo cult di Becky Albertalli Simon vs. the Homo Sapiens Agenda (in Italia tradotto con lo scipito Non so chi sei, ma io sono qui) l’abbia riportato dietro la macchina da presa, a otto anni di distanza da Life as we know it (Tre all’improvviso, 2010).

“Prima di domani”, un film di Ry Russo-Young, la recensione

Prima di domani (Before I Fall, Usa, 2017) di Ry Russo-Young con Zoey Dutch, Halston Sage, Logan Miller, Kian Lawley, Elena Kampouris, Medalion Rahimi, Jennifer Beals

Sceneggiatura di Maria Maggenti, dal romanzo “E finalmente ti dirò addio” di Lauren Oliver (ed. Piemme)

Fantasy, 1h 39’, Eagle Pictures, in uscita il 19 luglio 2017

Voto: 6 su 10

Molto apprezzato nei festival di cinema indipendente americani, Prima di domani è l’attesa trasposizione del romanzo best seller di Lauren Oliver, intitolato in Italia “E finalmente ti dirò addio”, di enorme successo tra i giovanissimi lettori. In verità, questa anonima versione cinematografica non ha particolari qualità per cui distinguersi ma, nel mare di produzioni teen quasi sempre deplorevoli, si caratterizza almeno come un gradevole passatempo estivo, specie se si considera il set d’ambientazione, il freddissimo Pacific Northwest.