“Wolf Creek 2 – La preda sei tu”, sequel mozzafiato per stomaci forti

WolfCreek2_Foreground-Phillipe-Klaus-as-Rutger-and-rear-Shannon-Ashlyn-as-Katarina

Wolf Creek 2 – La preda sei tu (Wolf Creek 2, Australia, 2013) di Greg McLean, con John Jarratt, Ryan Corr, Shannon Ashlyn, Philippe Klaus

Sceneggiatura di Greg McLean, Aaron Sterns

Horror, 1h 47′, Medusa, in uscita il 10 giugno 2015

Voto: 8 su 10

Ritorna Mick Taylor (Jarratt), il sadico cacciatore di turisti del primo fortunato Wolf Creek (anno 2005) che subito aveva condotto il suo autore Greg McLean agli onori del genere horror. Il regista ha pensato bene di riprendere la scia di sangue interrotta nell’episodio precedente con l’unico superstite in stato di vagabondaggio, rimette il villain più spietato degli ultimi tempi (pare sia ispirato al serial killer di saccopelisti Ivan Milat) a bordo della sua camionetta scalcagnata e il terrore ha inizio.

locandina.jpg+--Gli ingredienti del genere ci sono tutti (outland sterminato, giovani ignavi del destino atroce che li attende, caccia del gatto col topo e annessa macelleria da far rivoltare anche lo stomaco più ferreo), orchestrati sapientemente e in modo da rilanciare continuamente la narrazione, senza concedere un attimo di tregua ai nervi dello spettatore. Ma questa volta l’agghiacciante beffardia del maniaco omicida, interpretato in maniera sublime da John Jarratt,  ha i mezzi per rivelarsi in tutta la sua polemica xenofoba, esplodendo in una coda finale con quiz da mozzare il fiato.

Tutto dannatamente realistico (e, per tanto, spaventoso e adrenalinico come poco altro) ma anche costellato di fulminanti lampi ironici (“The lion sleep tonight” è la colonna sonora per una carneficina di canguri…). Indubbiamente superiore al pur ottimo primo capitolo, anche se ce n’è voluto di tempo per far arrivare Wolf Creek 2 sui nostri schermi (a Venezia venne presentato Fuori Concorso nel 2013): meglio tardi che mai.

Giuseppe D’Errico

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>