“Viramundo”, la vita e la musica di Gilberto Gil da oggi al cinema

LOCANDINA

Il cinema sposa la musica e le note del grande maestro brasiliano Gilberto Gil con VIRAMUNDO – Un viaggio musicale con Gilberto Gil di Pierre Yves Borgeaud che arriverà nelle sale italiane, come evento speciale dal giorno 11 luglio distribuito da Nomad Film.

Un doppio appuntamento per raccontare, attraverso un intenso tour tra il suo Brasile, l’Australia degli aborigeni e il Sud Africa, il mondo e la sensibilità di un artista internazionale da ben quattro Grammy Awards, eletto in patria ministro della cultura per promuovere la diversità culturale nel mondo globalizzato. Tra incontri e concerti scopriamo la sua visione di un futuro dove le diversità sono sempre più connesse tra di loro, un mondo ricco di speranze, di cambiamenti…e soprattutto di indimenticabile musica!

“Sono stato sempre molto a mio agio nell’utilizzare la musica come un mezzo per condividere e cambiare le cose. E’ difficile definire il mondo meraviglioso e divertente della musica. Le parole non sono abbastanza. Non possiamo definire la bellezza della musica, è in se stessa.”

Gilberto Gil

Nato a Salvador di Bahia nel 1942, Gilberto Gil, ha creato la sua prima band, Os Desafinados, quando andava alle scuole superiori. Alla fine degli anni ’50, ispirato dalla star brasiliana João Gilberto, ha costruito la sua carriera sulla chitarra come strumento primario e ha iniziato a suonare la bossa nova. La sua prima hit è stata nel 1969 Aquele Abraço. Gil ha poi sviluppato uno stile – unendo bossa nova, samba, ritmi tradizionali e musica anglosassone – che era rivoluzionaria. Ha iniziato ad acquisire notorietà, specialmente come uno dei fondatori del Tropicalismo, un’arte di movimento brasiliana della fine degli anni ’60. Nel febbraio del ’69, il governo militare brasiliano arrestò Gil per e il suo amico Caetano Veloso perché ritenuti responsabili di avere una negativa influenza sulla gioventù brasiliana. Hanno trascorso entrambi diversi mesi in carcere, prima di essere liberati, a patto che lasciassero il paese. Subito dopo, emigrati a Londra, Gilberto Gil ha avuto l’opportunità di suonare con diversi gruppi, inclusi gli Yes, i Pink Floyd, e la String Band. Nel 1972,  è tornato a Bahia, dove ha iniziato a distribuire una serie di album contenenti successi internazionali. Artisticamente attivo negli ultimi 40 anni, la discografia di Gilberto Gil è costituita di oltre 50 album ufficiali, è stato in tour in tutto il mondo e ha suonato per platee di milioni di spettatori. Il suo lavoro ha ricevuto premi molte volte: ha ricevuto, tra gli altri, quattro Grammy Awards.

(Redazione)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>