“The Rolling Stones – Crossfire Hurricane”, il mito in 300 sale italiane

crossfire-hurricane-1024

The Rolling Stones – Crossfire Hurricane (id, Gran Bretagna/Usa, 2013) di Brett Morgen

Sceneggiatura di Brett Morgen

Documentario, 1h 51′, Microcinema Distribuzione, in sala solo il 29 e 30 aprile 2013

Voto: 9 su 10

“I Beatles avevano scelto di fare i bravi. A noi cosa restava? Fare i cattivi.”

Un film, un documentario, un concerto. Non ci sono definizioni precise per descrivere The Rolling Stones – Crossfire Hurricane, due ore di interviste, commenti, racconti di una delle rock band più longeve e trasgressive della storia del rock, portate sul grande schermo dal regista Brett Morgen.  Frammenti, emozioni, passaggi fondamentali e personali raccontati dagli stessi artisti Mick Jagger, Keith Richards, Charlie Watts, Ronnie Wood con contributi degli ex membri della band Bill Wyman e Mick Taylor, insieme a rare interviste di Brian Jones.

the-rolling-stones-crossfire-hurricane_coverUna band in guerra aperta col mondo – come ammettono gli stessi Stones; in continuo conflitto con quei “bravi ragazzi” che erano i Beatles, fra eccessi, droga, sesso e tanto tanto spettacolo. “Le ragazze svenivano e se la facevano addosso – ricordano Jagger e Richards – e così i poliziotti dovevano portarle via di peso”.

Gli Stones radunavano intorno a loro milioni di fans impazziti. Emblematiche le riprese del concerto di Altamont del 1969 quando, nel caos generale, e sotto l’influenza di sostanze stupefacenti, un ragazzo viene accoltellato e ucciso.

Un clima di ribellione che ha sempre accompagnato la band, che degli eccessi fece uno stile di vita anche sul piano personale in particolare per quanto riguarda Richards la cui frase simbolo è sempre stata “Io non ho mai avuto problemi con la droga. Ho avuto problemi con la polizia”

Una band contro il sistema, emblema ancora oggi del rock internazionale. Un lungometraggio assolutamente imperdibile.

Angela Di Giacomantonio

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>