Tag Archives: Richard E. Grant

“Jackie”, un film di Pablo Larraín, la recensione

jackie

Jackie (id, Usa/Cile, 2016) di Pablo Larraín con Natalie Portman, Peter Sarsgaard, Greta Gerwig, John Hurt, Billy Crudup, Richard E. Grant, Caspar Phillipson, John Carroll Lynch, Beth Grant, Max Casella

Sceneggiatura di Noah Oppenheim

Biografico, 1h 40’, Lucky Red, in uscita il 23 febbraio 2017

Voto D’Errico: 8½ su 10
Voto Ozza: 6½ su 10

Pablo Larraín è uno dei più interessanti e apprezzati giovani autori oggi in circolazione. Lo dimostrò sin dai tempi di Tony Manero e Post Mortem, per confermarlo poi con No – I giorni dell’arcobaleno. Ma la vera prova di un talento complesso e impegnato, fino al limite dell’intellettualismo, è arrivata con El Club, sul tema scomodo della pedofilia in famiglia, e soprattutto con Neruda, cervellotico ma affascinante e inconsueto biopic sul celebre poeta comunista in fuga dalla dittatura di Videla. Con Jackie, sua prima produzione statunitense, continua la sua opera di destrutturazione del genere biografico, a partire da un avvenimento cardine nell’esistenza del personaggio trattato.

“Dom Hemingway”, hey Jude! Dall’Inghilterra con furore e tante risate

Jude-Law_2665825b

Dom Hemingway (id, GB, 2013) di Richard Shepard con Jude Law, Richard E. Grant, Demian Bichir, Madalina Ghenea, Emilia Clarke, Kerry Condon, Jumayn Hunter

Sceneggiatura di Richard Shepard

Commedia, 1h 34′, 20th Century Fox Italia, in uscita il 29 maggio 2014

Voto: 7 su 10

Quant’è bravo Jude Law! Spesso agli attori bellocci vengono perdonate molte evidenti carenze interpretative, ma non è il caso dell’attore londinese, che già aveva dimostrato tutto il suo talento sin dagli esordi, per poi confermarlo in film come Il talento di Mr. Ripley, A.I. – Intelligenza Artificiale e Closer. Poi, qualche operazione commerciale di troppo e un paio di progetti sfortunati, fino alla saga di Sherlock Holmes e al recente Anna Karenina di Joe Wright. Adesso Jude è Dom Hemingway, nel film omonimo scritto e diretto da Richard Shepard, che già ebbe a dire qualcosa sul mondo dei criminali sull’orlo dell’esaurimento nervoso col sottovalutato The Matador.