Tag Archives: Giampaolo Morelli

“A casa tutti bene”, un film di Gabriele Muccino, la recensione

A-Casa-Tutti-Bene-0

A casa tutti bene (Italia, 2018) di Gabriele Muccino con Stefano Accorsi, Pierfrancesco Favino, Stefania Sandrelli, Carolina Crescentini, Gian Marco Tognazzi, Valeria Solarino, Giulia Michelini, Sandra Milo, Ivano Marescotti, Claudia Gerini, Massimo Ghini, Giampaolo Morelli, Sabrina Impacciatore, Elena Cucci, Elisa Visari, Tea Falco, Gianfelice Imparato, Renato Raimondi

Sceneggiatura di Gabriele Muccino, Paolo Costella, Sabrina Impacciatore

Drammatico, 1h 45′, 01 Distribution, in uscita il 14 febbraio 2018

Voto: 4 su 10

C’era un certo interesse verso l’ultimo film di Gabriele Muccino, che in qualche modo doveva segnare il ritorno del regista romano ai registri drammaturgici a lui più congeniali, quelli della disfunzionalità familiare, dopo una parentesi statunitense francamente deludente e la puntata giovanilistica non proprio memorabile de L’estate addosso (2016). Per l’occasione, Muccino ha richiamato all’ordine alcuni dei suoi attori storici (Accorsi, Favino, Impacciatore, Sandrelli) in un cast sterminato di volti noti del cinema italiano, tuffato in un contesto isolano solo apparentemente idilliaco, ma che ben presto rivelerà tempeste non solo metereologiche. 

“Babbo Natale non viene da Nord”, Casagrande e Annalisa in una stanca fiaba partenopea

Babbo-Natale-non-viene-da-Nord-2015-movie-Header1

Babbo Natale non viene da Nord (Italia, 2015) di Maurizio Casagrande con Maurizio Casagrande, Annalisa Scarrone, Giampaolo Morelli, Milena Miconi, Eva Grimaldi, Maria Grazia Cucinotta, Massimiliano Gallo, Angelo Orlando, Nino Frassica

Sceneggiatura di Maurizio Casagrande, Francesco Velonà

Commedia, 1h 32′, Draka Distribution, in uscita il 26 novembre 2015

Voto: 4 su 10

Era sembrato di udire nell’aria un qualche soave respiro di sollievo alla notizia che riportava Christian De Sica impegnato con la sua nuova avventura televisiva a Striscia la notizia e Massimo Boldi che, con uno scatto da centometrista, era in sala già a inizio novembre con il suo Matrimonio al sud. Il che lasciava ben sperare in qualcosa di nuovo sotto l’albero. Auspicio vano, dal momento che il posto rimasto apparentemente vacante (incombe il nuovo pacco natalizio di Neri Parenti) e, evidentemente, molto ambito, è stato prontamente occupato da Maurizio Casagrande che, con un pizzico de L’oro di Napoli di Vittorio De Sica e, come ingrediente principale The Blues Brothers di John Landis, sforna l’ennesimo cine-panettone di cui proprio non si sentiva la mancanza.

“Poli opposti”, si sogna la commedia classica ma è una sfocata fotocopia

poli_opposti-700x430

Poli opposti (Italia, 2015) di Max Croci con Luca Argentero, Sarah Felberbaum, Riccardo Russo, Giampaolo Morelli, Grazia Schiavo, Elena Di Cioccio, Tommaso Ragno, Anna Safroncik, Stefano Fresi

Sceneggiatura di Gianluca Ansanelli, Tito Buffulini, Roberto Burchielli, Antonello De Leo, Mauro Graiani, Riccardo Irrera, Paolo Logli, Alessandro Pondi

Commedia, 1h 25′, 01 Distribution, in uscita l’8 ottobre 2015

Voto: 3 su 10

Quanto può essere triste una commedia, ci dicono, ispirata ai grandi classici americani di Hawks, Cukor e Wilder, ma che, in realtà, si riduce a scimmiottare alcuni temi di quel cinema senza avere alcun barlume di creatività? È Poli opposti dell’esordiente Max Croci, con alle spalle una lunga esperienza nei cortometraggi e nella pubblicità, e solo ora approdato al grande schermo con una sceneggiatura che definire impresentabile è un eufemismo.

“Song ‘e Napule”, cuoricini, camorra e tante risate

Song-e-Napule-Giampaolo-Morelli-e-Serena-Rossi-650x432

Song ‘e Napule (Italia, 2013) dei Manetti Bros con Alessandro Roja, Giampaolo Morelli, Serena Rossi, Paolo Sassanelli, Peppe Servillo, Carlo Buccirosso, Ciro Petrone

Sceneggiatura di Marco Manetti, Antonio Manetti, Michelangelo La Neve da un soggetto di Giampaolo Morelli

Commedia, 1h 54′, Microcinema, in uscita il 17 aprile 2014

Voto Di Giacomantonio: 8 su 10
Voto D’Errico: 6 su 10

Paco Stillo (Roja), borghesuccio di Napoli, viene raccomandato al Questore Vitali (Buccirosso) per entrare in polizia. Entrato a far parte del corpo, viene assegnato alla scrivania del deposito giudiziario. Ma Stillo ha studiato al conservatorio e ha l’animo musicale, quindi mal si adatta alla lotta in prima linea contro la camorra. Un giorno il commissario Cammarota (Sassanelli) gli ordina di infiltrarsi al matrimonio della robusta e viziata figlia del boss di Somma Vesuviana, dopo aver saputo che fra gli invitati ci sarà anche Ciro Serracane detto “O fantasma” (Servillo), il temutissimo boss della camorra.

“Sette ore per farti innamorare”, Giampaolo Morelli e la rom-com da manuale

7ore

Andrea Maia Teatro Golden e Marco Belardi per Lotus Production presentano
SETTE ORE PER FARTI INNAMORARE
di Gianluca Ansanelli e Giampaolo Morelli
tratto dall’omonimo romanzo di Giampaolo Morelli
regia Gianluca Ansanelli
con Giampaolo Morelli, Carolina Crescentini, Stefano Fresi, Chiara Ricci
e la partecipazione in video di Giorgio Colangeli e Miloud Mourad Benamara
musiche originali Cristiano Califano

In scena al teatro Golden di Roma fino al 10 novembre

Voto: 6 su 10

Dal romanzo al palco (per arrivare poi al cinema?) il passo è breve. Sette ore per farti innamorare è il titolo del libro scritto da Giampaolo Morelli e dello spettacolo teatrale da esso ricavato, con la collaborazione di Gianluca Ansanelli.

“L’isola dell’angelo caduto”, per Lucarelli un esordio da dimenticare

isoladellangelocaduto

L’isola dell’angelo caduto (id, Italia, 2011), di Carlo Lucarelli con Giampaolo Morelli, Gaetano  Bruno, Rolando  Ravello, Giuseppe  Cederna, Lorenzo  Perpignani, Sara  Sartini, Adolfo  Margotta, Veronica  Gentili, Laura  Glavan, Irma Carolina  di Monte, Daniele  Monterosi.

Sceneggiatura di Carlo Lucarelli, dal romanzo omonimo dello stesso autore.

Giallo, 1h39’, Kaos Cinematografica.

Festival Internazionale del Film di Roma 2012, Prospettive Italia.

Voto: 2 su 10

Perché mai uno dei più apprezzati giallisti italiani, nonché conduttore televisivo di stile, sentisse l’impellente urgenza di cimentarsi dietro la macchina da presa per dare alla luce un film simile resta l’unico vero mistero di questo grande e imbarazzante malinteso che è L’isola dell’angelo caduto.