“Saving Mr. Banks”: si svela la magia di Mary Poppins

Saving_Mr_Banks_2

Saving Mr. Banks (id., Usa, 2013) di John Lee Hancock, con Emma Thompson, Tom Hanks, Paul Giamatti, Colin Farrell, Ruth Wilson, Jason Schwartzman, Bradley Whitford, Rachel Griffiths, Kathy Baker

Sceneggiatura di Sue Smith, Kelly Marcel

Drammatico, 1h e 59′, The Walt Disney Company Italia, nelle sale dal 20 febbraio 2014

Voto: 7 su 10

Disney parla di Disney e apre le porte al “dietro le quinte” di uno dei suoi capolavori per eccellenza: “Mary Poppins”. Lo fa perché crede di aver scovato un’altra grande storia: quella della seriorissima P.L. Travers, autrice della celebre balia con l’ombrello, che per vent’anni tenne legato a un filo Mr. Walt Disney, rifiutandosi di concedergli i diritti di trasposizione cinematografica. 2013-12-15-movies_savingmrbanksposterI due artisti avevano, alla base, una visione della vita molto diversa: Pamela Travers temeva, infatti, che la frivolezza del produttore trasformasse la sua creatura in una donna tutta ballo e canto, svuotandola di senso e “gravità”. Un rapporto turbolento quindi, dove l’austera scrittrice australiana non mancò di dir la sua proprio su tutto: dalla sceneggiatura , alla qualità degli storyboard, all’uso contenuto dell’animazione, al tono delle canzoni. Emma Thompson interpreta magnificamente Miss Travers, riuscendo a trasformarla quasi in un personaggio comico, per le sua durezza comportamentale, che genera continue discrasie divertenti, e le sue manie irresistibili. Bravo anche Tom Hanks a interpretare il celebre produttore (provate a vedere il film in lingua originale e vi accorgerete del suo lavoro sulla voce, davvero simile a quella di Walt Disney).

saving-mr-banks-colin-farrell-foto-dal-film-03

Il film, tuttavia, si dilunga in noiosi flashback sull’infanzia della Travers (il padre è interpretato da Colin Farrell), che rallentano il ritmo e rendono la pellicola più simile a una biopic televisivo che a un prodotto targato Disney. Svelare la magia è, di per sé, annientarla: soprattutto quando lo si fa senza lo sguardo carico di stupore e gioia, tipico di questa major americana. La morale disneyana la riconosciamo relegata solo in locandina, nello slogan che accompagna il titolo: “Se puoi sognarlo, puoi farlo”. Consigliato a chi si commuove sentendo le prime note abbozzate di quella che sarebbe stata “Can caminì”.

Andrea Ozza

One Response to “Saving Mr. Banks”: si svela la magia di Mary Poppins

  1. ANDREA DI VT scrive:

    Diciamo che non è un capolavoro, ma forse il mio giudizio è di parte visto che adoro Emma Thompson. Quindi per me guardare questo film è stato un vero piacere :-)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>