“Il mio cuore nelle tue mani”, sacro e profano

gea-tosca

Titolo: Il mio cuore nelle tue mani

Di Manlio Santanelli

Con Tosca D’Aquino e Gea Martire

Uno spettacolo di Enrico Maria Lamanna

Teatro della Cometa di Roma fino al 21 aprile

Voto 8½ su 10

“Ogni scarrafone é bello a mamma sua.” Si potrebbe riassumere così la brillante commedia “Il mio cuore nelle tue mani” di Manlio Santanelli con Tosca D’Aquino e Gea Martire in scena al Teatro della Cometa fino a domenica 21 aprile.

26locUna chiesa di Napoli, due madri: la prima di un carabiniere, l’altra di un camorrista. Un solo interlocutore: San Gennaro.

Un testo basato sull’alternanza di due monologhi, che si riuniscono solo nelle preghiere comuni; lo sfogo di due madri preoccupate per le vite dei figli, anche se “il calcare della paura, non ci sta Viakal che possa scioglierlo” come dice la stessa Martire.

Tanti i temi affrontati nelle rispettive suppliche: si va dalla ricerca di un’occupazione, all’importanza di trovare una fidanzata, dalle cattive compagnie allo studio e all’onestà.

Un andirivieni di preghiere e confessioni. Un dialogo decisamente poco ortodosso caratterizzato soprattutto da momenti di ilarità, come la storia a puntate della famiglia Mancuso, raccontata dalla Martire. Dal canto suo Tosca D’Aquino smorza con ironia la tragedia di un marito in “villeggiatura” a Rebibbia e un figlio – Gennarino proprio in onore del Patrono tanto amato – che da banale scippatore si approccia alla gavetta per diventare braccio destro di un camorrista.

Due storie diametralmente opposte. Il bene e il male. Il bianco e il nero. Entrambe le donne – dal proprio punto di vista – sono nel giusto, ma solo una riceverà la grazia.

Angela Di Giacomantonio

One Response to “Il mio cuore nelle tue mani”, sacro e profano

  1. […] della rivista: Viviani Varietà all’Argentina di Marianna Masselli (Teatro e Critica, 19 aprile) “Il mio cuore nelle tue mani”, sacro e profano di Angela Di Giacomantonio (Critical Minds, 20 aprile) Saverio La Ruina e la forza della parola […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>