RomaFF9: “Escobar: Paradise Lost” di Andrea Di Stefano, sezione Gala

escobar-paradise-lost-josh-hutcherson-benicio-del-toro

Escobar: Paradise Lost (id, Francia/Spagna, 2014) di Andrea Di Stefano con Josh Hutcherson, Benicio Del Toro, Claudia Traisac, Brady Corbet, Ana Girardot, Carlos Bardem

Sceneggiatura di Andrea Di Stefano

Thriller, 2h

Voto: 7 su 10

Un esordio registico inaspettato, quello di Andrea Di Stefano, nostro buon attore (visto, tra gli altri, in Cuore sacro di Ozpetek e ne Il fantasma dell’Opera di Argento) che da qualche anno è volato negli States per studiare all’Actor’s Studio. Purtroppo l’italianità del film termina alla sua firma: i fondi produttivi vengono da Francia e Spagna perché un film come Escobar: Paradise Lost, duole dirlo, sarebbe impensabile da realizzare entro i nostri confini cinematografici.

Mischiando con intelligenza biografia e fiction, il film racconta la caduta del potentissimo narcotrafficante colombiano Pablo Escobar (Del Toro), a capo negli anni Ottanta del Cartello di Medellin, attraverso gli occhi di un giovane surfista canadese (Hutcherson), colpevole di essersi innamorato della nipote (Traisac): dapprima accolto come un figlio dalla grande famiglia, poi inghiottito in una spirale di avidità e sopraffazioni che, inevitabilmente, sfoceranno nel sangue e nella costituzione di Escobar per sfuggire all’estradizione negli Usa: poco prima di andare in galera, il boss ordina al ragazzo di mettere al sicuro il suo tesoro…

Scritto e diretto con grande mestiere e piglio internazionale, il film è decisamente efficace nella sua formula narrativa che coniuga il biopic a un tesissimo thriller sociale, in cui il vero protagonista non è il nome storico ma un personaggio fittizio che fa da tramite emotivo tra narrazione e spettatore. Ottima, in questo senso, l’interpretazione di Josh Hutcherson, il volto innocente a cui presto verrà sottratto il paradiso, anche se si guarda sempre con maggior timore al mefistofelico Del Toro, barbuto e ingrassato come un Belzebù di frontiera. E se il film rispetta tutti i luoghi canonici del genere, lo fa sempre con precisa attenzione alla verosimiglianza prima e all’intrattenimento poi. Per essere una prima regia, c’è da levarsi tanto di cappello.

Giuseppe D’Errico

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>