“Peter Pan”: musical made in Italy che fa sognare

big_peterpan_medium

PETER PAN – IL MUSICAL
Una Produzione – Il Sistina s.r.l.
Ispirato al romanzo di J.M.Barrie
Musiche: Edoardo Bennato – Regia: Maurizio Colombi
con: Manuel Frattini (Peter Pan), Pietro Pignatelli (Capitan Uncino), Martha Rossi (Wendy), Jacopo Pelliccia (Spugna), Ilaria De Rosa (Giglio Tigrato), Nikolas Lucchini (John Darling) e Daniela Simula (Michael Darling)
Arrangiamenti musicali: Mauro Spina, Stefano Pulga
Coreografie: Chiara Valli
Direzione Musicale: Emanuele Friello
Direzione Musicale Associata: Davide Magnabosco
Direzione voci e cori: Alex Procacci
Costumi: Marco Biesta, Marica D’Angelo
Scenografie: Rinaldo Rinaldi, Mariagrazia Cernetti
Suono: Maurizio Capitini
Aiuto Regia: Alice Mistroni

Voto: 9 su 10

Peter Pan – Il musical, un concertare di splendide voci per altrettanti bravissimi interpreti. È un esempio (raro qui da noi) di produzione ben studiata per un pubblico preciso, ovvero i bambini, attentissimi ai particolari ma soprattutto esigenti in materia di magia e spettacolarizzazione che, una fiaba di questo calibro, se inscenata, deve restituire. La confezione, in effetti, ammicca in tutto e per tutto al classico cartone della Disney, sia per lo sviluppo della storia e dei personaggi, che per l’uso di una colonna sonora che si parcellizza andando a musicare ogni singolo gesto/azione significativa dei personaggi.Lodevole l’interpretazione di Pietro Pignatelli nei panni di un Capitano Uncino pressoché perfetto, dall’impressionante voce capace di destreggiarsi dal puro Rock alla più pulita resa negli intermezzi da musical. Sempre all’altezza Manuel Frattini, indiscutibile professionista del settore, qui un po’ troppo piroettante per vestire i panni di Peter Pan. Le voci poi di Ilaria de Rosa, alias Giglio Tigrato, e Martha Rossi, Wendy, fanno venire letteralmente la pelle d’oca in platea, che si emoziona a ogni singola nota di queste ugole d’oro. Le musiche di Edoardo Bennato sono strepitose, contagiano sin da subito l’uditorio che, riconoscendo cult come “Viva la mamma” o “L’isola che non c’è” ha subito voglia di ballare e cantare assieme agli attori. Gli effetti visivi che mettono in scena la fata Trilly/Campanellino o l’ombra di Peter Pan, assieme agli effetti speciali, proiezioni digitali comprese, sono, nella loro modesta semplicità, più che efficaci e superano agilmente gli ostacoli che si pongono in una trasposizione teatrale di questo tipo. Un plauso anche ai movimenti scenici: nelle scene di volo gli attori sono agili, mantengono una postura corretta, tanto da rendere credibile il loro essere sospesi per aria. Si divertono anche gli adulti, una volta entrati nel mood cartoonesco della recitazione e dell’allestimento in generale. Il giudizio insindacabile spetta, però, ai bimbi usciti più che divertiti e soddisfatti dal Teatro, pienamente appagati del sogno fiabesco che, per tre ore, questo dignitoso allestimento, regala. Da vedere.

Andrea Ozza

Tournée
Da Mart 27 novembre a dom 9 dicembre : Il Sistina Roma
Martedì 11 dicembre: Teatro Manzoni Cassino
Giov 13 e Ven 14 dicembre: Palariviera San Ben. del Tronto
Mart 18 e Merc 19 dicembre: Palabrescia Brescia
Giovedì 20 dicembre: Borgosesia
Domenica 23 dicembre: Creberg Bergamo
Ven 21 e Sab 22 dicembre: Teatro Colosseo Torino
Sab 5 e Dome 6 gennaio: Teatro di Varese
Da Giov 31 gennaio a Dom 10 febbraio: T. Augusteo Napoli
Mart 12 febbraio: Teatro Team Bari

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>