“Mi arrivi come da un sogno”, la nuova storia d’amore firmata Diego Galdino

mi-arrivi-come-da-un-sogno-diego-galdino-L-nLG0BT

Mi arrivi come da un sogno
di Diego Galdino
Sperling & Kupfer, 2014

Tutti gli dicevano di non mollare, ma forse era solo quello che lui voleva sentirsi dire, magari semplicemente non era abbastanza forte per arrendersi.

Mi arrivi come da un sogno

A volte il destino ci prende in giro. Se scegliamo il percorso opposto, la strada più battuta, quella più facile, lui ci si para davanti bombardandoci di segnali che altro non vogliono dire se non “arrenditi, è così”. Altre volte il destino ci toglie quello che è nostro, quello per cui abbiamo lottato, sudato, pianto; quello che ci ha fatto sognare, emozionare e sperare. In questo caso “il vero atto di coraggio sarebbe arrendersi”.

Per fortuna non è il caso di Clark Kent, supereroe per antonomasia, che, sotto il profilo del giornalista ordinario, nasconde la mantellina e l’inconfondibile S di Superman. Stavolta, Clark Kent non ha nulla a che vedere con il personaggio dei fumetti Marvel, nonostante sia un ragazzo del Montana, cresciuto da genitori adottivi e faccia il giornalista. Questo Clark Kent è il protagonista del secondo romanzo di Diego Galdino, Mi arrivi come da un sogno.

Lucia Leonardi si trasferisce a Roma da Siculiana per svolgere un tirocinio giornalistico all’Eco, dove, nella sezione cultura e spettacolo lavora il già citato Clark Kent. Lucia, nella capitale coltiva la sua passione – la scrittura – e prende finalmente le redini della sua vita scappando da una realtà familiare diventata ormai stretta. Fra Walt Whitman, Robert Frost e “un friccico de luna”, Lucia e Clark si innamorano; peccato che lei sia fidanzata da tempo con Rosario. Determinata a chiudere la relazione con quest’ultimo e trasferirsi a Roma, Lucia parte per Siculiana. Ma il destino, si sa, ha regole tutte sue, dà e toglie a suo piacere, e il lieto fine per i due innamorati sembra irrimediabilmente lontano.

Un romanzo diviso in due tempi, la prefazione romana e la svolta siciliana (quasi un racconto d’altri tempi, ma pur sempre attuale), con un intermezzo “a-Roma-tico”, piacevole sorpresa per i lettori de Il primo caffè del mattino.

Mi arrivi come da un sogno è una storia tutta italiana , fresca e genuina, dove Galdino, ci insegna che l’amore vero, semplicemente non si può dimenticare.

Angela Di Giacomantonio

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>