“Lego Batman – Il Film”, un film di Chris McKay, la recensione

the_lego_batman_movie-700x430

Lego Batman – Il Film (The Lego Batman Movie, USA, 2017) di Chris McKay, con le voci italiane di Claudio Santamaria, Nanni Baldini, Alessandro Sperduti e Geppi Cucciari

Sceneggiatura di Seth Grahame-Smith

Animazione, 1h 46′, Warner Bros. Pictures Italia, in uscita il 9 febbraio 2017

Voto: 9 su 10

Batman è cattivo. O perlomeno è un finto buono. Il dubbio lo aveva sollevato già quel Christopher Nolan con la sua trilogia dedicata al Cavaliere Oscuro. Solitario e di nero vestito in costante lotta con la sua nemesi, Joker, il vigilante di Gotham City torna sul grande schermo ed è di nuovo alle prese con una forte crisi d’identità. Batman non solo è un finto buono, ma soprattutto è solo.

lego-batman-il-film-locandina-schedaChris McKay e compagni tentano, allora, la chiave già sfruttata da Nolan per aggiungere un “mattoncino” alle innumerevoli crisi d’identità di Bruce Wayne. Bello, ricco, forte, Wayne ha fatto intorno a sé terra bruciata. A partire dal Joker di cui, apparentemente, non ha più bisogno. Dopo aver salvato ancora una volta  Gotham City dal super criminale, Batman si ritira nella sua isola privata, scalda tristi aragoste al microonde e guarda film romantici in tv. Accanto a lui, come sempre c’è il fedele maggiordomo Alfred e il fantasma di una famiglia mancata.

Ha tutto Bruce Wayne, e non ha niente. La storia sfocerà in una curiosa ricerca di amicizia, amore e famiglia (non convenzionale) ricca di doppi sensi – che qui non vi sveliamo – che non cade mai nell’ovvio o nel banale. Gli stessi dialoghi al limite gender fra Batman e Joker, l’ambiguo rapporto con Robin e l’adozione dello stesso da parte di “due papà”, divertirà molto i bambini in sala e gli stessi genitori che potranno gustarsi le numerose citazioni dell’intero “brand” di Batman (dalle versioni cinematografiche di Tim Burton e Nolan alla sigla del telefilm Batman e Robin, giusto per citarne due) forte di quasi 80 anni di storia.

Lego Batman fa ridere, commuovere e riflettere e, inoltre, farà impazzire in particolare i nerd che nella battaglia finale potranno riconoscere i cattivi più cattivi della storia in versione LEGO – da Voldemort a Dracula, da King Kong alla Strega Cattiva – ma anche i “buoni” come Superman, Flash e Wonder Woman.

Il tutto è costellato dal buon umore, da frasi ad effetto (IronManPuzza) e dall’eccellente prova di Claudio Santamaria, che presta la voce a Batman nella versione italiana del film.

Lego Batman – Il Film aggiunge dunque un “mattoncino” alla tribolata storia di Bruce Wayne e lo fa in maniera “anticonvenzionale”. L’eroe/antieroe figlio della DC Comics approda di nuovo sul grande schermo grazie ad un set digitale costruito proprio da mattoncini Lego. Due anni e mezzo di lavoro, circa 400 professionisti coinvolti. Ogni scena, così come ogni oggetto, sono stati costruiti mattoncino su mattoncino, attraverso un meticoloso processo di rendering e surfacing di migliaia di singoli pezzi assemblati successivamente in un set e computerizzati.

Il vero motore scatenate di questa nuova avventura? La solitudine dell’uomo pipistrello, certo, ma anche, e soprattutto, le enormi attese per gli incassi diretti e indiretti che deriveranno dal merchandising attraverso i giochi di Lego Batman.

Angela Di Giacomantonio

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>