“Il viaggio di Arlo”, classico racconto di formazione che sa commuovere

trailer-2_da4g.640

Il viaggio di Arlo (The Good Dinosaur, Usa, 2015) di Peter Sohn con le voci (in originale) di Raymond Ochoa, Jeffrey Wright, Sam Elliot, Anna Paquin, Frances McDormand, Steve Zahn

Sceneggiatura di Meg LeFavue

Animazione, 1h 40′, The Walt Disney Company Italia, in uscita il 25 novembre 2015

Voto: 7 su 10

A Il viaggio di Arlo, nuovo lungometraggio targato Pixar, va riconosciuto un onere ingrato, quello di arrivare a breve distanza da un capolavoro che ha stupito e commosso il mondo come Inside Out. Probabilmente quest’impossibile confronto era chiaro anche nei corridoi degli studi di Emeryville, se per questo delizioso cartone animato si è ricorsi al più classico e consolidato degli schemi narrativi, così da non correre alcun rischio e, al contempo, di non sbagliare.

arlo-posterScelta giusta o sbagliata che sia, il film fa il suo corso, emozionando non solo il pubblico di più tenera età: è la storia di Arlo, un cucciolo di brontosauro che, a seguito della traumatica morte del padre, travolto da uno smottamento lungo il fiume, si perde nell’inseguire un cucciolo di uomo primitivo lesto e ringhiante. Superata la reciproca diffidenza, i due piccoli amici compiranno un viaggio per ritrovare la strada di casa, durante il quale affronteranno ogni avversità.

Come in un film di John Ford (il primo pensiero va a In nome di Dio, ma sono evidenti mille altre suggestioni dal genere western), l’esordiente Peter Sohn assembla sapientemente grandi spazi e sentimenti autentici, restituendo un racconto di formazione (con tocchi di cinefilia disneyana che ricordano Dumbo e Il re leone) forse senza sorprese ma di sicuro mai banale. Il disegno semplificato dei dinosauri fa da contraltare a una ricercatezza dell’immagine estesa da pelle d’oca: dalle vallate sterminate ai corsi d’acqua in piena, non sembra quasi di assistere a un prodotto di animazione digitale. E il finale è il solito tripudio di tenerezza che scalda il cuore e fa consumare fazzolettini.

Giuseppe D’Errico

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>