“Il Conte di Montecristo – Il Musical”: embrione di un spettacolo con grandi prospettive!

Il-conte-di-Montecristo1

IL CONTE DI MONTECRISTO – IL MUSICAL
Libretto e testi: Robert Steiner
Musiche ed Orchestrazioni: Francesco Marchetti
Regia: Gino Landi
Produzione: Teatro Greco

In scena a Villa Pamphili il 4 agosto 2015

Voto: 7 su 10

Il 4 agosto rinasce un sogno e lo fa in una cornice suggestiva quale quella di Villa Pamphili a Roma.

È il “Conte di Montecristo – il musical” che, dopo più di 5 anni, prova a ripartire e a dimenticare la brutta esperienza della precedente produzione che per inadeguatezza venne costretta a percorrere la strada verso un tramonto improvviso.

Quello visto a Villa Pamphili è un embrione della nuova produzione. Uno spettacolo-concerto che privato di tutti i suoi “accessori” più o meno importanti (costumi, scenografie, coreografie) si mostra “nudo” al pubblico, per lo più di appassionati e addetti ai lavori, che è accorso al richiamo “Il Conte di Montecristo torna in scena!”.

L’opera ideata da Steiner e musicata magistralmente dal maestro Marchetti è di forte impatto. Le sole musiche e i testi ben interpretati dal cast sono riuscite a sopperire alla voluta assenza di tutto il resto.

La regia di Gino Landi non ha potuto evidentemente mettere in campo tutta la sua efficacia in un contesto simile e, forse anche per il poco tempo, lascia dei buchi registici difficili da gestire da parte degli interpreti non tutti navigati. Nonostante questo lo spettacolo ha una sua forza che lo porta avanti e lo trascina verso un finale emozionato.

Menzione speciale per il protagonista Edmond Dantes interpretato da Manuel Bianco. La sua è un interpretazione che, se attorialmente può e deve crescere, vocalmente è già perfetta. E’ un artista da tenere d’occhio!

Lo spettacolo è promettente. Non vediamo l’ora di vederlo cresciuto dopo essere stato nutrito da una produzione generosa e coraggiosa e coccolato da un lavoro registico e scenico preciso ed efficace .

L’appuntamento allora è per dicembre 2015 a Roma. Vedremo in quell’occasione se la promessa sarà mantenuta!

Emanuele Tibelli

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>