“I pinguini di Madagascar”, piatta la storia ma ci si diverte

i-pinguini-di-madagascar-il-film-45

I pinguini di Madagascar (The penguins of Madagascar, Usa, 2014) di Eric Darnell, Simon J. Smith

Sceneggiatura di John Aboud, Michael Colton, Brandon Sawyer

Animazione, 1h 32′, Dreamworks Animation/20th Century Fox, in uscita il 27 novembre 2014

Voto: 6 su 10

Ormai è tradizione che gli spin off dei grandi lungometraggi animati provino a sbarcare al botteghino. Dopo i Mini Minions di Cattivissimo me è la volta di Skipper, Kowalski, Rico e Soldato, meglio conosciuti come I pinguini di Madagascar.

Carini e coccolosi, già protagonisti della serie televisiva ambientata dopo le vicende di Madagascar 2, approdano al cinema con una sorta di action movie, che spazia della formazione dello strampalato gruppo fino alla mission (semi)impossible di salvare il mondo dal malvagio Octavius Brine, meglio noto come Dave.

Piovra umanizzata, affetto da complesso di inferiorità nei confronti della bellezza dei pinguini – per cui il pubblico degli zoo impazziva – Dave è deciso a vendicarsi. Il piano: sterminare tutti i pinguini del mondo semplicemente “imbruttendoli”. Ad aiutare Skipper, Kowalski, Rico e Soldato anche la squadra Vento del Nord capitanata da Angente Segreto, Miccia, Eva e Caporale.

Dall’ Antartide a Shangai passando da Venezia a New York, un po’ National Geographic un po’ James Bond, il film è un continuo susseguirsi di gag e ilarità dal ritmo sempre incalzante. Più piatta, invece, la storia sulla quale forse si poteva puntare di più. Sebbene governi l’ironia in tutta la narrazione, gli stessi protagonisti – delle vere e proprie macchiette (a tratti politically uncorrect) nella serie televisiva e nei lungometraggi pilota – risultano pallide imitazioni di sé stessi. Stessa sorte per l’antagonista Dave – John Malcovich nella versione originale – più patetico e piagnucolone che “cattivo”.

Nonostante qualche difettuccio qua e la,  I pinguini di Madagascar offrono novanta minuti di spensieratezza e risate che, di questi tempi, male no fanno.

Angela Di Giacomantonio

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>