“Chi la fa… la spettini!” di Sergio Iovane e Mario Moretti, uno spettacolo di Paolo Mellucci

MUSEChilafalaSpettini_Fronte

CHI LA FA… LA SPETTINI!

di Sergio Iovane e Mario Moretti

con Angela Melillo, Gabriele Marconi, Silvia Bruni, Ugo Cerretti, Sharazad Cioffi, Michela Fontana, Domiziana Loiacono, Valentina Mauro, Valeria Palmacci, Cinzia Scaglione
Scene Ugo Cerretti e Valentina Mauro
Coreografie Valeria Palmacci
Trucco e parrucco Barbara Ninetti
Luci e fonica Andrea Bruno
Costumi Emiliana Di Rubbio
Direttore di scena Mariella Mariani
Aiuto regia Dalila Aprile
Regia di Paolo Mellucci

In scena al Teatro delle Muse di Roma fino al 21 ottobre

Voto: 6½ su 10

Il buon umore, di questi tempi, è merce rara e ricercata, specie a teatro. Se non si ride non si sbiglietta, e le direzioni artistiche corrono ai ripari come meglio possono. Capita, così, di ritrovare due volti televisivi di assoluta piacevolezza come Angela Melillo e Gabriele Marconi, attorniati da tanti bravi caratteristi e al centro di una storiella lieve come una bolla di sapone, fatta di equivoci, scambi di persona, corteggiamenti, furtarelli e qualche lambicco sociologico (mannaggia ai social…).

Chi la fa… la spettini! è il risultato di uno studio certosino delle richieste del pubblico che ha bisogno di alleviare nevrosi e ansie del quotidiano: gli autori Sergio Iovane e Mario Moretti hanno messo a puntino un congegno comico di inconsistenza tale da elevare il tutto a una sublimazione del riposo dei nervi che, francamente, potrebbe essere un merito impagabile per i volti tesi degli spettatori. Ridere fa bene al cuore e allunga la vita, questo è un dato ormai assodato, e allora potremmo anche disquisire per ore sulla gratuità episodica della narrazione, sugli stereotipi disseminati a iosa e sulla (dis)soluzione finale che ha un po’ il sapore dell’incompiuto, ma resteremmo pur sempre in torto marcio, perché il pubblico ride, applaude gli attori e torna a casa sano nello spirito e forse anche nel corpo.

E allora cala le armi anche il critico più agguerrito, Chi la fa… la spettini! è una commedia brillante congegnata con gusto e sobrietà sull’ineffabile mondo dei saloni di bellezza per signore, che ci rivela una Angela Melillo non è più bambolina di porcellana ma fior di donna dalle scollature tattiche (il vestito rosso in chiusura di spettacolo fa il suo dovere), un Gabriele Marconi in versione “cage aux folles” e soprattutto alcuni personaggi di contorno eccezionali, su tutti la baronessa dell’Agropontino con aristocratica erre moscia interpretata da Valeria Palmacci, che regala i momenti di ilarità più convincenti anche grazie alla verve dell’attrice in scena, che cura anche le coreografie dello spettacolo e regala  un inaspettato e travolgente momento di danza alla sua nobildonna un po’ caciottara. Il buon umore è assicurato.

Giuseppe D’Errico

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>