“Justin e i cavalieri valorosi”, un cartoon semplice e piacevole

Justin-e-i-cavalieri-valorosi-la-colonna-sonora-del-film-danimazione

Justin e i cavalieri valorosi (Justin and the Knights of valour, Spagna, 2013) di Manuel Sicilia, con le voci di Antonio Banderas, Freddie Hoghmore, Alfred Molina, Julie Walters, Saoirse Ronan, Mark Strong, Rupert Everett

Sceneggiatura di Manuel Sicilia e Matthew Jacobs

Animazione, 1h 06’, Moviemax, al cinema dal 24 ottobre 2013

Voto: 6 su 10

Stanchi della solita citta’ e delle sue leggi? Niente paura, e’ arrivato al cinema Justin e i cavalieri valorosi, film d’animazione firmato da Manuel Sicilia e prodotto ed interpretato da Antonio Banderas.

Justin-e-i-cavalieri-valorosiJustin vive in un regno di burocrati soggetti alle leggi governative imposte dal padre avvocato, ma da sempre sogna di diventare un eroico cavaliere come suo nonno. Costretto dal padre a seguire la via della toga, Justin chiede consiglio alla nonna, che suggerisce al nipote di cercare la sua strada. Inizia cosi’ l’avventura del ragazzo, la cui missione e’ quella di portare a casa l’antica spada del nonno ingiustamente sottrattagli in battaglia. Il cammino per diventare cavaliere, manco a dirlo, sara’ irto di ostacoli, incontri e durissime prove. Amici, nemici e naturalmente l’amore.

Non mancano certo i momenti d ilarita’, come la presenza dell’eccentrico mago Malquiades e il cattivo e sciccoso Sota, la cui voce nella versione originale e’ affidata a Rupert Everett. Ci sono poi i monaci Blucher, Legantir e Braulio guide fisiche e spirituali per il giovane iniziato, atte ad insegnargli le antiche tradizioni dei Cavalieri Valorosi.

Niente di nuovo sul fronte narrativo: gli ingredienti sono quelli del viaggio d’iniziazione che portera’ il giovane Justin alla trasformazione da adolescente a giovane uomo.

Dopo l’abusivismo del 3D, finalmente un cartone semplice e piacevole, godibile sul piano narrativo oltre che estetico, carismatico e corretto nei confronti del pubblico (e soprattutto di quello piu’ piccino) anche se non si trattera’ forse del capolavoro animato del secolo.

Angela Di Giacomantonio 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>