“(a+b)³”, lo stupore silenzioso dei Muta Imago

ab10

Muta Imago in: (a+b)³
Ideazione e regia: Claudia Sorace
Drammaturgia e suono: Riccardo Fazi
Realizzazione scena: Massimo Troncanetti
Direzione tecnica: Maria Elena Fusacchia; vestiti di scena: Fiamma Benvignati
Registrazioni audio: Federica Giuliano
In scena: Riccardo Fazi e Claudia Sorace

Voto: 9 su 10

Sono immagini mute quelle che Riccardo Fazi e Claudia Sorace mettono in scena sul palco del Teatro Quarticciolo a Roma, eppure, tanto da dire hanno e, di certo, nei loro “silenzi” molto raccontano.

(a+b)³ è un concetto che non ha bisogno di battute per arrivare al pubblico in sala, ma si rappresenta per suggestioni emotive, attraverso un linguaggio visuale che è, al contempo, inusuale eppure antico, apparentemente semplice, eppur studiato nel minimo dettaglio. A e B sono, da soli, l’universo mondo – maschile e femminile – che, nel cubo che li racchiude, si incontrano e iniziano a costruire un quotidiano fatto di gesti banali: una cena assieme, la condivisione di un frutto, una sigaretta fumata in due. Irrompe, in quella casa trasparente, il fragore invadente di una guerra che tutto separa e che ribalta – letteralmente – le fondamenta di un’esistenza altrimenti quieta e felice.

La compagnia Muta Imago crea uno spettacolo che è una piccola meraviglia: mille diversi inganni visivi, un’alternarsi incessante di abbagli e sfumature per riuscire a restituire il senso dell’amarezza di una promessa disattesa, corta speranza di una vita che avrebbe potuto essere e rimane, invece, una nostalgia, un ricordo, il dolore sordo che stordisce quando il frastuono della guerra cessa e alle sue spalle nulla lascia.

In quelle luci (e nelle loro ombre), in quei silenzi (e nei rumori meccanici che li hanno interrotti), in quell’architettura scenica composta di assi di legno e di bianchi veli, si intuiscono concetti universali senza che un solo verbo esca dalle bocche degli attori.

Chapeau.

Marco Moraschinelli

2 Responses to “(a+b)³”, lo stupore silenzioso dei Muta Imago

  1. […] (a+b)3 di Muta Imago “(a+b)³”, lo stupore silenzioso dei Muta Imago di Marco Moraschinelli (Critical Minds, 4 giugno) (a+b)3 di Valentina De Simone (Che teatro […]

  2. […] difficile, complicato e importante. Lontano dall’emotività diretta e coinvolgente del bellissimo (a+b)³ – il precedente lavoro dei Muta Imago – “Pictures from Gihan” richiede una pregressa […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>