“A porte chiuse” di Jean Paul Sartre, uno spettacolo di Marine Galstyan, la recensione

A PORTE CHIUSE_Sargis Galstyan e Marine Galstyan

A PORTE CHIUSE
dal  testo di Jean Paul Sartre

regia Marine Galstyan
coreografie Sargis Galstyan
Costumi Naira Abgaryan
Luci Mattia Albanese
Audio Danilo Muscarà
Trucco Gohar Sargsyan
con Sargis Galstyan (Garcin), Eleonora Scopelliti (Estelle), Marine Galstyan (Ines), Lorenzo Girolami (Il Cameriere), Vittoria Rossi (Olga), Federica Biondo (Moglie di Garcin), Lorenzo Zaffagnini (Rojen)

In scena al Teatro Cometa Off dal 13 al 18 novembre 2018

Voto: 6 su 10

Un uomo e due donne all’inferno. Una stanza buia con tre sedie e un cancello dal quale si affaccia solo, di tanto in tanto, un cerimonioso traghettatore di anime. Tre persone a condividere un breve perimetro che subito si fa terreno di battaglia per i suoi occupanti, luogo di malcontento nel quale ciascuno dei protagonisti svela il proprio malanimo nei confronti degli altri reclusi, e poco a poco confessa le meschinità commesse nell’esistenza appena terminata.

Sargis Galstyan (2)A drammatizzare la visione di questa messa in scena di “A porte chiuse – Huis clos” – testo scritto da Jean Paul Sartre nel 1944 – un tango rabbioso coreografato da Sargis Galstyan, che qui interpreta anche il personaggio del crudele Garcin; sul palco con lui si trovano Eleonora Scopelliti, nel ruolo dell’isterica Estelle e Marine Galstyan, a cui è affidato il ritratto di Ines, gelida ed egoista seduttrice.

La rappresentazione andata in scena al Teatro Cometa Off vive nella gestualità ardente di una partitura coreografica che estremizza, nei diversi momenti in cui si insinua nella drammaturgia di Sartre, le passioni dei tre dannati, movimenti energici a sottolineare il tormento auto inflitto che sostanzia la relazione disfunzionale che i tre attori sul palco vanno a tessere con febbrile partecipazione. Uno spettacolo sovraccarico di malinconia, coerente ed estenuante rappresentazione delle (sole) ombre che albergano nell’animo umano.

Marco Moraschinelli

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>